RICCIONE. “Non c’è bisogno di una guerra tra aeroporti, servono invece piani di investimenti omogenei, più collegamenti possibili per persone e merci, perché tutta la costa Romagnola, col suo entroterra, oltre  alla Repubblica di San Marino, è una miniera d’oro”. Lo sostiene la sindaca di Riccione, Renata Tosi, a proposito dei 200 milioni di euro per 30 anni garantiti da un emendamento alla Finanziaria 2019 allo scalo di Forlì. “Dico sì ai 200 milioni per l’aeroporto di Forlì e dico sì a 200 milioni per l’aeroporto di Miramare qualora vi fosse la possibilità. Quindi ripeto, lavoriamo perché i soldi arrivino anche per l’aeroporto a noi più vicino e usciamo dalle vecchie logiche che si impongono troppo spesso portando danno a tutti. Non lavoriamo sempre per una parte a discapito dell’altra perché a quanto pare la partita sugli aeroporti è trasversale, da un punto di vista politico, e deve coinvolgere Governo, Regione e provincia. Insomma da anni sento dire basta con la politica dei campanili, è ora di farlo. I finanziamenti servono a Rimini come a Forlì perché la Romagna deve poter contare su un incoming crescente, mettendo da parte la politica che si litiga l’osso”.

Argomenti:

aeroporto

Forlì

GUERRA

rimini

Tosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *