Tornano gli abbandoni, in tre cercano famiglia

Scoppia il caldo estivo e con esso l’emergenza legata all’abbandono di cuccioli di gatto. Le volontarie, infatti, hanno già iniziato ad accogliere i primi mici strappati da un triste epilogo. Trovati sul territorio, sono diversi per colore del manto ma accomunati dal medesimo destino. Un nutrito esercito di quattro zampe senza famiglia, affamato e indebolito dalla mancanza di cure. Se non hanno la fortuna di incontrare sul loro cammino sensibili cittadini che non rimangono loro indifferenti, la loro vita sarà per la maggior parte dei casi breve. A differenza di quanto ancora diffusamente si creda, i gatti non riescono a sopravvivere senza l’aiuto delle persone. Lo sanno bene le volontarie animaliste che, ciclicamente, si trovano a fare la spola tra i rifugi e gli ambulatori veterinari nel disperato tentativo di salvare la vita ai felini domestici. Disidratati e malnutriti, quando non finiscono investiti dal traffico i piccoli gatti randagi muoiono spesso per le loro pessime condizioni di salute. Un triste copione che si ripete, inesorabile, ogni anno soprattutto in questo periodo. Cambiare tale epilogo non è solo possibile ma doveroso: per farlo basterebbe, “semplicemente”, sterilizzare per evitare di incrementare le fila dei gatti senza famiglia. Un intervento chirurgico di routine che, purtroppo, viene ancora oggi osteggiato da molti che, scegliendo di non sterilizzare i propri animali domestici lasciati poi liberi di girare, di fatto si rendono complici di questa piaga. Ad essere stati salvati dalla strada, è questo trio di mici che ora rischia di crescere senza nessuno che si occupi di loro. Giocherelloni e amorevoli, tutto ciò che manca loro per essere felici è trovare una famiglia che li scelga come compagni di vita. Adottabili anche singolarmente a partire dal mese di giugno, quando “compiranno” due mesi di vita, per adottarli oppure ricevere maggiori informazioni contattare il numero 335 7713645.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui