Tornano al museo della città le Storie di Ravenna

Le Storie di Ravenna tornano con due appuntamenti fuori programma, al Mar di Ravenna. La rassegna organizzata da Ravenna Teatro e dedicata alle storie della città, in un intreccio singolare di storia e teatro, conclusa la terza edizione ad aprile al teatro Rasi, ritorna con due nuovi appuntamenti realizzati in collaborazione con il Museo d’arte della città. «Abbiamo oggi una nuova occasione di confronto – ha spiegato il direttore di Ravenna Teatro Alessandro Argnani – ma anche la possibilità di ripensare questa opera, patrimonio della città, che ha oggi a disposizione al Mar un nuovo spazio di racconto e di confronto». Il museo «non sarà solo un palcoscenico – ha dichiarato il presidente dell’istituzione, Mauro Brighi – ma diventerà coprotagonista, in una esperienza museale alternativa». Nelle due storie, ogni personaggio raccontato fungerà da collegamento con un’opera del patrimonio del museo ravennate. «Racconteremo le storie di due donne molto diverse – spiega l’iconografo Giovanni Gardini, fra i curatori del progetto – ma che hanno come filo conduttore quello di portare dentro al loro cuore una grande passione e una grande energia».

Il primo incontro in programma, “Una donna contro la guerra” martedì 31 maggio alle 18, è dedicato alla figura di Maria Goia, nata nel 1878 a Cervia, che la storica Laura Orlandini definisce «una figura iconica di donna ribelle e appassionata, […] immersa nelle lotte sociali del suo tempo». La storia a lei dedicata avrà per protagonisti Laura Orlandini, Laura Redaelli e Christian Ravaglioli. Il secondo incontro, martedì 7 giugno alle 18, sarà dedicato a Maria Maddalena, «una figura enorme che la tradizione religiosa ma anche laica ha guardato con grande curiosità», sottolinea Gardini, protagonista con Laura Redaelli e Jenny Burnazzi della storia “Colei che ha molto amato. Maria Maddalena tra arte e letteratura”. Catia Moganti e Daniele Carnoli cureranno le visite guidate al Mar. «Questo capitolo delle Storie di Ravenna – sottolinea l’assessore alla Cultura Fabio Sbaraglia – sposa la volontà forte del museo di aprirsi e raccontarsi alla città: un’esperienza straordinaria di teatro che si fa racconto, a servizio di tutti».

www.ravennateatro.com

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui