Torna “Jazz a Forlì”

Da venerdì 5 al via la terza edizione di Jazz a Forlì che, curata dall’associazione culturale Dai de jazz, proprio nel 2020 ha chiuso il progetto nel cassetto a seguito del protrarsi della pandemia. «Abbiamo creato un programma ricco, speriamo di incentivare le persone a tornare a fruire della musica – dice Mauro Pici, presidente dell’associazione –. Si tratta di un repertorio di facile ascolto, costruito per intercettare e attrarre più pubblico possibile. Purtroppo non sarà con noi Enrico Rava ma abbiamo deciso di confermare il concerto con i suoi musicisti, i quali dopo le difficoltà legate alla pandemia hanno bisogno di tornare a suonare».

Apre alle 21.30 nella sala Mazzini il Christian Sands Trio, mentre il sabato al San Giacomo è la volta di Danilo Rea, Massimo Moriconi e Alfredo Golino per un vero e proprio tributo a Mina. Presente anche il figlio della “tigre di Cremona”, Massimiliano Pani. Domenica alle 12.30, invece, al ristorante Tennis Villa Carpena, è la volta del Sandy jazz brunch in collaborazione con Italia Jazz Club: suonano Francesca Tandoi, Stefano Senni e Marco Frattini.

A seguire, da lunedì fino a giovedì, si parte con le serate alla Fabbrica delle Candele con la rassegna Largo ai giovani. Un vero e proprio contest dove per ogni serata si esibiranno 3 gruppi di giovani che sperimentano i nuovi linguaggi del jazz. Il vincitore avrà la possibilità di esibirsi nel 2022 durante la rassegna invernale.

Venerdì 12 alle 15, invece, sempre alla Fabbrica delle Candele, masterclass di sassofono con Francesco Bearzatti.

«È una settimana di eventi importanti, specie in un momento difficile come questo. Ciò dimostra come l’entusiasmo di tre anni fa ci sia ancora – afferma l’assessora alle Politiche giovanili, Paola Casara –. Oltre a grandi nomi del panorama del jazz, spazio ai giovani: questo è un valore aggiunto. Può essere un trampolino di lancio ma anche la possibilità di intercettare un pubblico diverso grazie alle sperimentazioni di giovani jazzisti, tra cui molte donne».

La sera ci si sposta alla sala Mazzini con Peter Bernstein e il sabato sera al San Giacomo chiudono i musicisti di Enrico Rava. Non mancano anche gli eventi collaterali tra cui la presentazione del libro di Rea (sala Randi sabato ore 17) e la mostra fotografica di Roberto Cifarelli al San Giacomo fino al 13 novembre.

I biglietti sono in prevendita online su Do it yourself.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui