Torna il Rimini summer pride nel segno della Carrà

“Forse ce la facciamo”. È bastato questo messaggio lanciato sulla pagina Facebook del “Rimini summer pride” per riaccendere la voglia di ballare, cantare e “marciare” sul lungomare nel nome di diritti per i quali non ci sarebbe neppure bisogno di scendere in piazza.

Detto questo, la sfilata con i colori dell’arcobaleno, dopo un anno di stop a causa della pandemia, sta provando a prendere forma.

Sui social è girata anche una data, quella del 24 luglio, subito smentita dagli organizzatori, soprattutto per non creare confusione e false aspettative. «Noi veniamo apposta da Milano» si legge in un messaggio lasciato sulla bacheca del “Summer Pride”. «Aspettate a prenotare» è la risposta.

Fra i commenti favorevoli alla edizione 2021, il fatto che comunque in varie parti d’Italia si organizzano eventi di ogni genere: è sufficiente rispettare i protocolli sanitari.

“Lavori in corso”

A questo punto del percorso possiamo dire che manca l’ufficialità, ma le possibilità di tornare sul lungomare sono molte, dato che l’ultima edizione risale al 2019, passata alla storia come il “Pride” più bagnato di sempre a causa della pioggia.

Per quanto riguarda il giorno si stava ragionando sull’ultimo sabato di luglio, ma la coincidenza con la Notte Rosa ha imposto uno slittamento a una nuova data, vale a dire il successivo sabato di agosto.

La pandemia

Le norme sanitarie e la paura per la “variante delta” che desta nuove preoccupazioni, imporranno una organizzazione soft, senza carri musicali e corpi di ballo a bordo.

L’obiettivo, sia chiaro, è sempre quello di una manifestazione allegra e gioiosa e quindi si opterà sicuramente per una “passeggiata” all’ora del tramonto. Poi il resto del menù è allo studio.

Ricordando Raffa

Pochi giorni fa a Padova è andato in scena uno dei primi Pride post Covid al grido di “su le mascherine, non diamo la possibilità a nessuno di dire che non rispettiamo le regole”. Immancabili ovviamente i cartelloni inneggianti il ddl Zan. Per non parlare delle numerose parrucche con caschetto biondo per ricordare Raffaella Carrà, icona gay scomparsa pochi giorni fa.

Ecco, proprio all’artista bellariese di adozione, il “Rimini summer pride” sta pensando di dedicare una spazio celebrativo. La preoccupazione è quella di non scivolare nel superficiale, comunque all’interno della colonna sonora sarà certamente ritagliato uno spazio per cantare e ballare i successi di Raffaella Carrà. Uno per tutti? «A far l’amore comincia tu”.

Sono 12 i nuovi contagi in provincia di Rimini (5 uomini e 7 donne).

Otto di questi nuovi positivi sono sintomatici. Confermato un solo paziente ricoverato in terapia intensiva. Non si registrano guarigioni. Fortunatamente non si registrano decessi né in provincia né in Regione.

In Emilia Romagna i nuovi casi sono 118 su un basso numero di tamponi, 7.802 (3.422 quelli rapidi). L’età media dei nuovi positivi di oggi è 32,8 anni.

Le dosi somministrate di vaccino sono complessivamente 4.243.902 con 1.719.511 che hanno completato il ciclo vaccinale.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui