“Ti racconto l’Emilia-Romagna”: come prendere il soffitto di cristallo degli stereotipi e metterlo sotto i piedi

La carriera di Orietta Berti comincia a Cavriago, nel reggiano, oltre 55 anni fa, quando fare la cantante era considerato un passatempo.

Anche la Ct della nazionale femminile di calcio, Milena Bertolini, è reggiana e quando ha iniziato a giocare era l’unica bambina in campo: per essere accettata si vestiva da maschio e si faceva chiamare Mario.

Nel 2000 a Bologna la cuoca Alessandra Spisni si rende conto che il mestiere della sfoglina non esiste e così decide di fondare la ‘Vecchia scuola bolognese’ che oggi insegna il mestiere ad allievi di tutto il mondo.

Silvia Avallone arriva in Emilia-Romagna per studiare filosofia all’università, vuole restare a Bologna ma deve trovare subito un lavoro; sceglie quindi la ‘strada più folle’ e scrive un romanzo che le farà vincere il Premio Campiello spalancandole le porte di una brillante carriera letteraria.

Orietta Berti, Milena Bertolini, Alessandra Spisni, Silvia Avallone. Sono queste le protagoniste della nuova puntata del podcast Ti Racconto l’Emilia-Romagna – a cura dell’Agenzia Informazione e Comunicazione della Giunta regionale -, realizzato in occasione dell’8 marzoGiornata internazionale della donna.

Quattro donne straordinarie dell’Emilia-Romagna che, grazie alla passione, all’impegno e a scelte coraggiose, sono riuscite a raggiungere i traguardi prefissi dimostrando come il tetto di cristallo si possa ribaltare e diventare un pavimento.

Con il pensiero al conflitto in Ucraina che, sottolinea la scrittrice che ha scelto di vivere a Bologna, “ci sta ribadendo il ruolo delle donne nella storia, la loro gigantesca resistenza”.

La puntata on line sul portale della Regione Emilia-Romagna (www.regione.emilia-romagna.it), e sulle piattaforme Spreaker e Spotifyhttps://www.spreaker.com/user/14186332/il-pavimento-di-cristallo

Elisa Ravaglia

Commenti