Terme S. Agnese: a Bagno di Romagna accordo di contratto vicino

Fumata grigia con tendenza al bianco per il rinnovo dell’integrativo aziendale a Terme Sant’Agnese. C’è una prima intesa, da quello che sindacati e consiglio d’amministrazione hanno fatto filtrare ieri sera, dopo un incontro. Ma il giudizio definitivo sarà quello che lavoratrici e lavoratori esprimeranno con un voto nel corso dell’assemblea convocata da sindacati e rsu per domani.

Accordo molto vicino

L’aver trovato un punto di incontro e la possibilità ora di chiudere definitivamente la trattativa prima dell’avvio della stagione, con la riapertura fissata per il 14 maggio, alimenta la speranza di poter presto ricominciare con tutte le energie a guardare a proposte, progetti e programmi per la stagione e per il futuro, senza essere appesantiti da trattative sindacali.

Dopo 4 mesi di incontri, la situazione si sarebbe “sbloccata” con la presentazione da parte dell’azienda di una serie di dati, chiesti dai sindacati, sull’andamento e sul funzionamento del premio variabile.

Verso un periodo di sacrifici

Domani verrà presentato a lavoratrici e lavoratori il testo dell’accordo e si chiederà di valutare la proposta, che prevede modifiche sia per la parte normativa che per quella economica, con alcune ipotesi che significano riduzione economica.

Ma il momento è particolare: il settore deve uscire da questi anni di grave difficoltà e il nuovo integrativo, che a questo punto sarà valido fino al 2024, accompagnerà un periodo che tutti auspicano di ripresa.

La speranza di tutti naturalmente è che possa essere garantita la ripresa e l’occupazione, evitando il ricorso a forme di contenimento del costo del personale, come l’esternalizzazione di alcuni servizi, adottata in altre strutture ma che il cda di Terme Sant’Agnese non ha mai preso in considerazione.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui