Tennis, gran vittoria di Forti al San Marino Open

Il Super Tuesday del San Marino Open (13 singolari e due doppi) ha avuto il suo gran finale con la splendida vittoria di Francesco Forti su Gianmarco Moroni (4-6, 6-3, 7-5). Il cesenaticense approda così al secondo turno, dove sfiderà domani il brasiliano Joao Menedes. Bocciate, invece, le ambizioni del faentino Federico Gaio e del riminese Manuel Mazza. In realtà il bilancio non è positivo per il primo, mentre il giocatore del Tennis Club Viserba, approdato al main-draw dopo aver superato alla grande le qualificazioni a cui aveva avuto accesso con una wild-card, ha avuto il merito di rendere la vita durissima ad un giocatore di grande solidità come il boliviano Hugo Dellien, numero 72 del mondo solo un anno e mezzo fa. Insomma, contro un buonissimo Top 100 sulla terra Manuel ha fatto un figurone. Il riminese ha perso il primo set dopo aver subìto un break al 10° gioco, nel secondo set Mazza era il più lesto a partire dai blocchi, break al 5° game per lui e match in controllo. Non solo, il romagnolo non aveva alcun problema a sostenere il palleggio e quando riusciva ad entrare in campo faceva male con i fondamentali. Sul 4-3 il romagnolo non ha sfruttato una palla per il 5-3 e qui sono iniziati a guai, non tanto per merito di un Dellien piuttosto falloso, quanto per alcuni errori di troppo del riminese che salvava cinque match point, prima di capitolare al 12° gioco. Mazza esce di scena in singolare (giocherà il doppio con De Rossi) con la consapevolezza di poter giocare un ruolo nel circuito pro, non certo da comprimario.
Contemporaneamente è uscito di scena anche Federico Gaio, che ha lottato a lungo contro il russo Pavel Kotov, entrato in tabellone come lucky-loser, ma non è riuscito a trovare il bandolo della matassa. Il romagnolo ha ceduto sul piano della lotta contro un giocatore che sul Titano è al secondo duello a suon di tie-break dopo quello perso nell’ultimo turno di qualificazioni con Ocleppo.
Negli altri match successi di Roberto Marcora nel derby azzurro su Andrea Pellegrino e del promettentissimo Next Gen danese Holger Rune sul belga Cagnina. In serata ottimo match vinto in rimonta dal siciliano Salvatore Caruso, testa di serie n.3, sul francese Quentin Halys, finalista del Challenger del Villa Carpena. L’azzurro è reduce da una stagione non proprio brillante, il torneo sammarinese potrebbe rilanciarlo su livelli importanti. Niente da fare invece per Julian Ocleppo (qualificato), fermato 6-2, 6-3 dal francese Maxime Janvier, e per Marco De Rossi, sconfitto 6-3, 6-3 dal francese Gilles Simon.
Nell’incontro di chiusura del programma di lunedì sera Luca Nardi si era aggiudicato per 6-4, 6-4 il derby tricolore fra wild-card con Raul Brancaccio. Il 17enne di Pesaro sarà dunque al secondo turno il prossimo avversario di Marco Cecchinato, numero 1 del tabellone, match in programma oggi alle 19, a seguire la sfida Marcora-Kotov.
Risultati 1° turno: Roberto Marcora-Andrea Pellegrino 7-6 (6), 7-6 (1), Hugo Dellien (Bol, n.4)-Manuel Mazza (qualificato) 6-4, 7-5, Jay Clark (Gbr)-Sebastian Baez (Arg, n.7) 7-6 (4), 5-7, 7-5, Blaz Rola (Slo, n.8)-Zdnek Kolar (Cze) 6-3, 6-3, Marius Copil (Rou)-Renzo Olivo (Arg) 7-6 (4), 6-4, Pavel Kotov (Rus. Lucky-loser)-Federico Gaio (n.5) 7-6 (2), 7-6 (3), Holger Vitus Rune (Den)-Julien Cagnina (Bel) 6-3, 6-4, Salvatore Caruso (n.3)- Quentin Halys 3-6, 6-2, 6-2, Francesco Forti (qualificato)-Gianmarco Moroni 4-6, 6-3, 7-5, Gilles Simon (n.2)-Marco De Rossi (wild card) 6-3, 6-3.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui