Tecnopolo, Biagini: “A Rimini c’era un sistema inquinato”

Un “sistema inquinato” permeava un parte del sistema dei lavori e delle commesse pubbliche a Rimini. Con “intromissioni” anche nel sistema delle commesse private. Il tutto legato ad alcuni dipendenti comunali, a tecnici e professionisti, e alla figura del “facilitatore” Mirko Ragazzi e ai suoi rapporti con persone vicine al sindaco (che non è coinvolto nell’inchiesta). Dopo l’esposto presentato nel 2015 e la conseguente “indagine complicata e capillare” della Guarda di finanza di Rimini, con tanto di intercettazioni telefoniche e ambientali, e pedinamenti, l’ex assessore ai Lavori pubblici, Roberto Biagini, ha aggiornato questa mattina la stampa sui risultati del procedimento penale ribattezzato “Tecnopolo-Acquarena”, per il quale ha fatto una richiesta di accesso agli atti in quanto parte offesa. E in attesa dell’udienza preliminare del 24 settembre da parte del gip Benedetta Vitolo, con 16 persone imputate. Tra cui tre dipendenti comunali.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui