Tappa a Cesenatico per 13 in viaggio in velomobile per 3.000 km

All’assalto turistico a Cesenatico in corso a Cesenatico stanno contribuendo anche gli stranieri, quasi spariti per due anni a causa del Covid. E al Camping Village Cesenatico alcuni sono arrivati a bordo di “velomobili”. Si tratta di bici reclinate con una scocca aerodinamica in fibra di carbonio. Dentro, di elettrico ci sono solo la luce, il campanello, le frecce di direzione, mentre il resto è meccanico. La trazione, infatti, avviene solo con la pura forza muscolare. Tredici appassionati partiti da Rosenheim, in Baviera, stanno attraversando con quel mezzo alcuni dei paesaggi più belli d’Italia, percorrendo in tre settimane 3.000 chilometri e con dislivelli per 35.000 metri complessivi.

«Abbiamo dovuto rimandare due volte il viaggio, originariamente previsto per il 2020, a causa della pandemia – racconta uno degli organizzatori, il 61nne tedesco Christian Denk – e adesso non vediamo l’ora di girare per l’Italia. Cesenatico è davvero piacevole». Il connazionale Jochen Hofmann spiega che il gruppo arriva da Germania ed Austria e «le nostre biciclette, a tre ruote e aerodinamiche, sono tra le più comode e veloci del mondo». Sono anche belle, con «forme e colori speciali» e non passano inosservate: «Molte persone non le hanno mai viste e si meravigliano». Le velomobili, che sono state inventate in Olanda e arrivano a costare 8.500 euro ma usate si trovano anche a 3.000, possono raggiungere 45 km/h di velocità e vengono usate s«nella vita di tutti i giorni, per andare al lavoro, a fare shopping o nel tempo libero». Uno tra i più giovani del team, Josef Janning, 50 anni, aggiunge che «per le emergenze c’è un solo veicolo di scorta e si pernotta in campeggi».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui