Superbike, Rinaldi cerca il riscatto ad Aragon

GIANMARIA ROSATI

L’università del motociclismo è pronta ad aprire le sue porte al campionato Superbike. Oggi infatti scatta il quinto (quarto per Supersport e Supersport 300) round della stagione, che segna il ritorno in calendario della storica tappa di Assen, assente dal calendario della passata stagione. L’appuntamento olandese non può che avere come tema principale il duello tra Jonathan Rea e Toprak Razgatlioglu, con il primo costretto a inseguire: dopo la caduta di Donington infatti il campione del mondo in carica si trova a -2 dal rivale di casa Yamaha e arriva ad Assen con grande voglia di rivalsa. Toprak non può che continuare ad attaccare, anche grazie ai progressi compiuti dalla sua R1, per continuare a cullare il sogno mondiale.

Spettatore più che interessato del duello è Scott Redding, desideroso di dimenticare un inizio di stagione complicato e altrettanto desideroso di non perdere così presto il treno titolo: per l’inglese il tracciato di Assen potrebbe rivelarsi favorevole, ma le difficoltà di assetto potrebbero ripresentarsi e rovinare la sua festa.

Al pari dell’inglese si augura un week-end di rivincita anche Michael Ruben Rinaldi, 5° in classifica a poco più di venti punti dal compagno di squadra. «Assen mi piace molto – racconta Rinaldi – e voglio riscattarmi. Abbiamo fatto passi in avanti negli ultimi mesi e abbiamo trovato la velocità ma Donington ha in qualche modo evidenziato i nostri punti deboli. In Olanda quindi dobbiamo ritrovare quella fiducia che avevamo a Misano: sono certo che questa sia un pista favorevole a me e alle caratteristiche della moto».

Pronto a brillare è anche Garrett Gerloff, che poche settimane dopo Razgatlioglu ha anch’egli prolungato il suo contratto con Yamaha, per restare in Superbike almeno fino alla fine della prossima stagione. Impossibile poi non citare il padrone di casa Michael Van Der Mark, che dopo le ottime cose mostrate in Inghilterra arriva nella sua Olanda molto fiducioso, in attesa di scoprire il potenziale della BMW tra le curve veloci del TT. Tutto da scoprire anche il potenziale degli altri azzurri in griglia, ossia Andrea Locatelli e Axel Bassani, vicini in classifica generale e pronti a dare battaglia. Non ci saranno (per ragioni tecnico-economiche) né il team Alstare né il team RC Corse.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui