Strada Rio Medrina risistemata con garanzia di durata a Borghi

La viabilità della valle del rio Medrina rinasce a nuova vita. Nei giorni scorsi i lavori hanno interessato un tratto della strada, circondata da un ambiente naturale d’incanto ma che da tempo sembrava dimenticata.

La strada lunga alcuni chilometri venne costruita negli anni Sessanta del secolo scorso dal Consorzio di bonifica lungo l’asta fluviale del rio Medrina e poi “passata” al Comune che non riusciva però a manutenerla correttamente. Ma essendo una strada-scorciatoia per chi scende da Sogliano e San Giovanni in Galilea di Borghi per raggiungere Santarcangelo e la via Emilia, e viceversa, è molto frequentata nonostante le frane e i dissesti che la caratterizzavano.

«Appena insediati abbiamo preso di petto la questione della via Medrina – afferma Silverio Zabberoni, sindaco di Borghi – Una strada costruita male senza un sottofondo corretto. Prima della nostra amministrazione, ogni tanto, si aggiungevano camion di ghiaia che poi sprofondava. Allora abbiamo trovato un nuovo sistema che prevede l’uso di uno “stabilizzatore”, in pratica è un macchinario complesso che opera in profondità sulla strada fino a mezzo metro e crea, prima di tutto, un sottofondo resistente e compattato. Poi aggiunge stabilizzato e ghiaia sopra che poggiano sul duro. Abbiamo prima fatto una prova, e non avendo fondi abbiamo convinto un imprenditore della zona a sobbarcarsi la spesa di circa 20mila euro. Realizzato un piccolo tratto, abbiamo potuto constatare che teneva a distanza di un anno e mezzo. Così abbiamo colto l’opportunità di alcuni fondi sovracomunali che garantivano una spesa di 95mila euro. Ora il primo stralcio è stato fatto ad arte. Anche chiedendo la collaborazione dell’autorità di bacino per liberare il fiume da alberi pericolosi e intoppi».Secondo il sindaco nel tratto più trafficato, che va dalla provinciale Uso a via Cartiano l’intervento realizzato è il migliore in termini di prestazioni e durata nel tempo grazie al sottofondo misto cementato.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui