Storie liete e fiabe nere: il nuovo libro di Francesco Guccini

BOLOGNA. «Una delle più grandi gioie per uno scrittore è rileggere una sua vecchia storia e trovarla ancora buona. E quando sfoglio queste pagine, mi sembra di rivedermi qualche anno addietro, come negli scatti di un album fotografico. Chissà, forse in questi racconti si ritroverà anche qualcuno di voi». Sono parole di Francesco Guccini, il cantautore modenese che ha alle spalle anche una lunga e prestigiosa carriera di scrittore e che ora ha dato alle stampe un nuovo libro: Storie liete, fiabe nere e tempi andati (Rizzoli Lizard). Tra le pagine troviamo la buffa storia della tartaruga del poeta Marino Moretti, i lampi della Resistenza e il buio del dopoguerra, cronache di morti annunciate e pennellate di realismo magico. In questo libro, Francesco Guccini ha raccolto alcuni dei suoi migliori racconti, testi difficili da recuperare o, in alcuni casi, del tutto introvabili. Una raccolta di rarità che trasporta i lettori in un viaggio che va dai familiari scenari dell’Appennino tosco-emiliano a quelli, più inattesi, di un antico regno di fiaba. Un libro per inoltrarsi tra gli echi del passato e l’urgenza del presente, presi per mano dalle evocative illustrazioni di Franco Matticchio.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui