La polizia locale dell'Unione Rubicone

Nell’ambito dei controlli, coordinati dall’Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza, sul rispetto della normativa per la prevenzione ed il contenimento del contagio da Covid_19, ieri sera una pattuglia della polizia locale dell’Unione Rubicone e mare ha accertato che, a Savignano sul Rubicone, un esercizio commerciale di vicinato aveva ricavato una “stanza segreta”, cui era possibile accedere da una porta interna, ove era stato abusivamente realizzato un piccolo bar. Nella stanza, allestita con tavoli e sedie ed anche un biliardino, dopo le 18 era in corso la somministrazione di bevande ad alcuni clienti. Il titolare è stato quindi sanzionato, sia per il mancato rispetto dell’obbligo di sospendere ogni attività di ristorazione dalle ore 18 (400 euro e chiusura di 5 giorni per l’esercizio), sia per l’apertura di un pubblico esercizio in mancanza di titoli abilitativi (1.032 euro e chiusura immediata del bar abusivo).un simile comportamento, oltre che palesemente illecito, costituisce un evidente pericolo di diffusione del contagio data la totale assenza di qualsivoglia misura di profilassi, e deve essere censurato anche per rispetto dei tanti esercenti che, al costo di sacrifici enormi, si sforzano di rispettare le regole. Secondo il sindaco di Savignano sul Rubicone, Filippo Giovannini, “Un anno di pandemia sta mettendo tutti a dura prova, sotto ogni punto di vista. Possiamo uscirne nel tempo più breve possibile solo rispettandoci e osservando le regole anche quando siamo esasperati e non vediamo l’uscita da questo difficile periodo. Comportamenti come questo dividono la Comunità e rischiano di compromettere la salute di tutti.”.

Argomenti:

orari

sanzioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *