Stalking: 80enne di Cesena arrestato due volte

La violenza di genere non ha età. Un 80enne cesenate, che non riesce in alcuna maniera a rassegnarsi dalla separazione voluta dalla sua ex convivente, è stato arrestato per la seconda volta nel giro di pochi mesi con l’accusa di stalking. Dopo essere finito in manette già nel 2021 per essere arrivato a bruciare l’auto della sua ex.

Una vicenda, quella dell’anziano che si è macchiato di gesti di follia incontrollabile, della quale si sono dovuti occupare a più riprese le forze dell’ordine di Cesena: sia i carabinieri che la polizia.

La vicenda ha preso vita nel corso dello scorso anno. Lui, 80enne, abitava assieme a lei, più giovane e nei confronti della quale nutre evidentemente sentimenti che a dispetto dell’età raggiungono picchi di passione e di gelosia smodata. Un rapporto che nel tempo era divenuto eccessivamente morboso. Non possiamo dare indicazioni ulteriori sui protagonisti della vicenda perché altrimenti, spiegando chi sia l’arrestato, si verrebbe a svelare anche chi fosse la vittima delle sue attenzioni. Una donna che conviveva con l’anziano principalmente per motivi di natura professionale.

Quando la donna ha deciso di lasciare l’ambiente domestico lui non l’ha presa affatto bene. Ha iniziato a perseguitarla ed a cercare di seguirla. In alcuni frangenti arrivando anche a minacce per cercare di farla tornare sui suoi passi e rientrare a casa.

I carabinieri di Cesena nel 2021 hanno dovuto anche arrestarlo. Notte tempo “qualcuno” aveva dato fuco all’autovettura della donna e di quell’incendio era stato accusato l’80enne.

Tra le prescrizioni che il giudice, una volta esaminato il caso, aveva dato all’uomo, c’era quella che sarebbe potuto tornare libero in attesa di giudizio (anche a fronte dell’età non più verde) a patto di mantenere una distanza minima dalla vittima e di non cercare in alcun modo di avere contatti con lei. Una prescrizione che l’uomo ha seguito ma soltanto per qualche tempo. Più di una volta la donna ha composto nelle ultime settimane i numeri d’emergenza lamentando che lui stava ancora compiendo atti persecutori nei suoi confronti. Di certo non si stava attenendo scrupolosamente all’imposizione del giudice di stare alla larga.

Così nel corso del fine settimana la procura della repubblica ha firmato una nuova richiesta di arresto per l’80enne. Che è stata consegnata nelle mani della polizia. Gli uomini del Commissariato di Cesena erano infatti intervenuti in alcuni dei nuovi episodi che vedevano protagonista l’80enne alla ricerca della sua ex convivente. Stalking è l’accusa per cui sono scattate di nuovo le manette.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui