Spazi verdi e inquinamento: Rimini maglia nera in regione

Un territorio ad altissima densità abitativa: 387 abitanti per chilometro quadrato, contro i 198 abitanti per chilometro quadrato della regione Emilia Romagna e i 196 dell’Italia. Con il comune capoluogo in evidente difficoltà ambientale: poca disponibilità di verde urbano e un inquinamento oltre i livelli di soglia. E’ la fotografia, decisamente sbiadita, che traspare dal “Rapporto Bes 2021”, uno studio sulla misurazione del benessere equo e sostenibile sul quale hanno collaborato venticinque Province e sette Città metropolitane, di una Rimini “green” ancora di là da venire. Un fermo immagine di quanto ci sia ancora da fare per proiettare, al Paese, quell’immagine di capitale delle vacanze tutto mare, spiagge, ma anche e, soprattutto, ambiente incontaminato. «Ed è quello che ci siamo prefissi di fare. A cominciare dal Parco del mare», sottolinea l’assessora all’Ambiente del Comune di Rimini, Anna Montini.

Ma esaminiamoli questi dati. E facciamolo col documento “Bes” in mano. Dove, alla voce “Ambiente”, troviamo impressi numeri sorprendenti. Quelli di una disponibilità di verde pubblico praticamente dimezzata rispetto al resto della regione, ma anche più bassa dell’intero paese: 20,3 metri quadrati per abitante a Rimini capoluogo, contro i 43,9 metri quadrati per abitante in Emilia Romagna e i 33,8 metri quadrati in Italia. E con un livello d’inquinamento preoccupante, dove i limiti di smog nell’aria (Pm10) sono stati superati, sempre a Rimini capoluogo, per 43 giorni, rispetto ai 32 giorni dell’Emilia Romagna ed ai 28 giorni dell’Italia. Un dato dell’inquinamento, però, che migliora leggermente, ma solo se comparato con quello regionale, nell’ambito del superamento dei limiti di biossido di azoto (No2) nell’aria: 42 μg/metro cubo a Rimini; 46 μg/metro cubo in Emilia Romagna, soltanto 14 μg/metro cubo in Italia.

Commenta Montini: «E’ vero, per quanto riguarda la situazione del verde urbano Rimini dimostra una certa carenza. Ma col progetto del nuovo lungomare nord e sud, di spazi verdi pubblici se ne svilupperanno davvero tanti. E non finisce qui – aggiunge l’assessora -, perché il Comune sta investendo molto anche in termini di superfici destinate alla forestazione periurbana. Abbiamo, infatti, messo a dimora 1.500 alberi forestali, che contribuiranno a creare dei piccoli boschetti, sia in città che nelle aree vicine agli agglomerati, e concorreranno a migliorare la qualità dell’aria. Operazione, questa, che rientra nel progetto regionale “Mettiamo radici nel futuro” che prevede, nell’arco di cinque anni, la piantumazione di quattro milioni e mezzo di alberi in tutta l’Emilia Romagna». Ed eccole le zone di nuova piantumazione: via Novella, via Vittime 11 settembre, via Circonvallazione ovest, nei pressi del centro commerciale “I Malatesta”, via Scoiattolo-via Pomposa a Grottarossa, via Zangheri e via Tombari. Conclude la Montini: «Vorrei sottolineare un dato soddisfacente, quello degli impianti fotovoltaici presenti a Rimini e in tutta la provincia. A dimostrazione di come l’energia rinnovabile sia ormai una realtà. Abbiamo, infatti, un numero di 8 impianti installati per chilometro quadrato, contro 4 dell’Emilia Romagna e 3 dell’Italia. E questo è senza dubbio un buon viatico verso quel futuro di energie pulite sul quale l’intero paese sta puntando».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui