“Sono in pensione, ma lavoro”: il 16% sceglie l’agricoltura

«Ben il 16,2% dei pensionati che lavorano si trova in agricoltura per salvare i raccolti e garantire le forniture alimentari messe a rischio dalla difficoltà di reperire manodopera».

È quanto afferma la Coldiretti nel commentare i dati Istat sulle condizioni di vita dei pensionati in Italia. Sul totale di 444mila pensionati lavoratori nel 2021 ben 72mila si trovano nelle campagne con un aumento record del 22,4% rispetto al 2019. «Un risultato – sottolinea la Coldiretti – frutto della necessità di rispettare i cicli stagionali della produzione e di non perdere i raccolti di fronte alla carenza di manodopera qualificata resa più evidente durante l’emergenza Covid che ha ostacolato gli ingressi alle frontiere dei lavoratori stranieri che rappresentano una componente importante per le attività agricole. Una situazione che va affrontata – precisa la Coldiretti – con le formule più adeguate che garantiscano maggiore semplificazione per le imprese e le necessarie tutele per i lavoratori agricoli attraverso il confronto con le Istituzioni e i sindacati. Ma – conclude la Coldiretti – occorre anche emanare immediatamente il decreto flussi 2023 per l’ingresso regolare di almeno centomila lavoratori migranti stagionali necessari al settore agricolo già dai primi mesi del nuovo anno per garantire la manodopera nei campi, combattere il caporalato, potenziare la produzione di cibo dell’Italia e difendere la sovranità alimentare nazionale».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui