Slot machine e sale scommesse, ordine di chiusura per 8 attività di Forlì

FORLÌ. In città ci sono otto tra sale scommesse, sale giochi, bar e tabaccherie con videolottery o in cui è possibile effettuare pronostici sportivi, che devono chiudere e trasferirsi altrove. Anzi, che dovrebbero essere già chiusi dal 31 dicembre scorso, motivo per cui ora scattano i controlli da parte di Comune, Polizia locale e Questura. Si dovrà accertare l’avvenuta cessazione dell’attività, pena l’applicazione di severe sanzioni e l’immediato e coattivo “giù le serrande”.

A renderlo noto in consiglio comunale è stata l’assessora alle Politiche per l’impresa, Paola Casara. Lo ha fatto interpellata da Daniele Vergini del Movimento 5 Stelle, il quale chiedeva se il Comune avesse provveduto a ordinare la chiusura delle attività nelle quali è previsto il gioco d’azzardo e che non distano più di 500 metri di distanza dai cosiddetti “luoghi sensibili”: scuole, ospedali, case di riposo, impianti sportivi e luoghi di culto. Per combattere le ludopatie, infatti, la Legge regionale 5 del 2013 impone una distanza di almeno 500 metri da questi centri di aggregazione frequentati da giovani e anziani. Chi non rispetta il requisito deve chiudere e trasferirsi altrove. A inizio 2019, poi, un’ulteriore legge dell’Emilia-Romagna (la 68) fissava al 31 dicembre la data limite.

A Forlì gli esercizi che ospitano apparecchi di gioco sono 143 e 122 di questi (l’85%) sono sotto distanza e dovranno quindi disinstallare le slot una volta scaduto il contratto con i concessionari.
E quindi? «Non daremo proroghe come ha fatto Modena – ha spiegato Casara -. Il 13 gennaio abbiamo comunicato il divieto di prosecuzione dell’attività ai luoghi dove si scommette e che non rispettano i vincoli, poi il 17 abbiamo avuto un incontro in Questura per concordare le modalità di controllo e ora la Polizia locale verificherà se 8 attività abbiano effettivamente chiuso. In caso contrario scatterà il procedimento di emissione del provvedimento di cessazione e l’ordinanza per applicazione delle sanzioni». Ci sono, poi, altri 90 esercizi autorizzati nei quali «scatteranno controlli a tappeto degli agenti per accertare che gli apparecchi in funzione rispettino la scadenza e le direttive impartite dalla delibera regionale».
Tutto sotto controllo? Pare, ma il M5S storce il naso. «Cattolica ha subito emesso ordinanze di chiusura entro 15 giorni e il suo sindaco ha subito minacce e ritorsioni per il suo coraggio. Le attività hanno avuto due anni per spostarsi, non serviva altro tempo».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui