Silvestri e Ghemon, Imola in musica torna sul palco

Prime indiscrezioni sugli artisti che andranno a comporre il ricco programma di concerti ed eventi di Imola in Musica. La manifestazione, giunta alla edizione numero 25, è in programma dal 29 agosto al 5 settembre nel centro storico, e non solo.

I primi artisti

Nel 2020 il festival ha dovuto fermarsi di fronte all’emergenza Covid. Si è potuto svolgere solo l’amatissimo concerto all’alba, in veste ridotta all’interno del verziere delle monache, a testimonianza del desiderio di portare avanti questa attesissima manifestazione. Ora con l’emergenza sanitaria in netto miglioramento, l’amministrazione è pronta a tornare dal vivo.

Sarà come sempre piazza Matteotti a ospitare i nomi più importanti. Giovedì 2 settembre ci sarà Ghemon in concerto. Cantautore e rapper fra i più celebri della scena giovanile italiana, ha partecipato all’edizione 2021 del Festival di Sanremo col brano “Momento perfetto” contenuto nell’album “E vissero feriti e contenti”. Venerdì 3 settembre toccherà all’Ensemble “Le Muse” con un omaggio a Ennio Morricone. Si tratta di un’orchestra di 24 elementi tutta al femminile, diretta da Andrea Albertini. Insieme alle musiche saranno proiettate su maxi schermo le immagini più significative dei film per cui sono state composte. Sabato 4 settembre sarà invece la volta di Daniele Silvestri uno dei cantautori più apprezzati della scena musicale italiana, che vanta numerosi successi pop ma mai banali, fra cui Salirò, La paranza, Le cose in comune.

Il Comune

«Lavoriamo per un ritorno in grande stile dell’evento culturale che ha in assoluto il più alto grado di partecipazione cittadina e promuove sempre le novità del settore musicale – commenta l’assessore alla Cultura, Giacomo Gambi –. Imola in Musica valorizza il centro storico, ma non solo. In seguito a un sondaggio effettuato nei mesi scorsi a cui hanno aderito circa 2000 giovani, è risultato l’evento imolese più amato». Gambi sottolinea: «Siamo consapevoli che le aspettative sono alte e che il desiderio delle persone di tornare a vivere a pieno le vie della città non è mai stato così forte come in questo momento. Avremo grandi nomi della scena musicale italiana, con un elevato numero di voci femminili. L’idea è inoltre quella di dare a ciascuna piazza una caratterizzazione per genere musicale. Importante sarà anche l’impronta ecologica con cui vogliamo caratterizzare la manifestazione». Si ricorda che le associazioni e realtà culturali, così come gli operatori economici del centro storico e le associazioni di categoria hanno tempo fino al 15 giugno per far pervenire gli eventi che intendono organizzare all’interno di Imola in Musica.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui