Sicurezza: si accendono 11 nuove telecamere a Cesena

Consiglio comunale aperto sul tema della sicurezza. Hanno partecipato il nuovo comandante della Polizia Locale Andrea Piselli, il comandante provinciale della Guardia di Finanza Ugo Poggi, quello dei Carabinieri Fabio Coppolino, il Questore Lucio Aprile e il prefetto Antonio Corona.

Bene comune da tutelare

Il sindaco Enzo Lattuca, il primo a prendere la parola in Assise, parte da una doppia premessa: «La sicurezza è un bene comune da tutelare» e «non credo che a Cesena ci sia un’emergenza sicurezza e che questo tema, per fortuna, rappresenti una priorità per noi». Lattuca sottolinea la necessità di distinguere tra pubblica sicurezza e sicurezza urbana. Se il secondo richiama le politiche di prevenzione, sociali e di rigenerazione del Comune, il primo ambito è quello che compete alle forze dell’ordine a cui l’amministrazione offre collaborazione e strumenti che possano facilitarne il lavoro e tra questi cita anche l’imminente implementazione della rete Man: «Dalla rotonda di Torre del Moro lungo le dorsali Diegaro, Dismano e Valle Savio installeremo 11 nuove telecamere».

Reati in calo

Il questore Lucio Aprile, con approccio «pragmatico», snocciola i dati riferiti ai primi 10 mesi degli ultimi tre anni: nel 2020 i furti sono calati del 40%, nel 2021, sempre rispetto al 2019 del 21%. Andamento simile per i furti in abitazione: – 46% nel 2020, -19% nel 2021. I furti negli esercizi commerciali sono calati dell’1% nel 2020, del 36% nel 2021. Le rapine erano 20 nel 2019, 23 nel 2020, 35 nel 2021. «Quello che notiamo – ha detto Aprile – è un generale calo dei reati, con l’unica eccezione delle rapine, ma in questo caso basta un solo gruppo attivo in un territorio a far crescere il dato, basti pensare che 8 delle 35 rapine 2021 sono state commesse in 48 ore dalle stesse 2 persone poi arrestate». Invariato il trend sul fronte droga: quest’anno ci sono stati 11 arresti, 9 denunce, 21 segnalazioni e il sequestro di 4 chili di cocaina e 520 grammi di altre sostanze. Il questore Aprile ha anche il grande impegno nella gestione dell’ordine pubblico in eventi come quelli allo stadio, ma anche nelle tante manifestazioni e cortei ultimamente in particolare per i vari No paura day e cortei no green pass.

Manifestazioni

Riguarda proprio quest’ultimo aspetto una delle decisioni che è stato chiamato a prendere il prefetto Antonio Corona: «Credo di essere arrivato a una direttiva bilanciata – commenta – che ho preso valutando le conseguenze potenziali anche in termini di gestione con una decisione troppo tranchant». Il prefetto nel concludere i lavori, ha sottolineato la capacità del dibattito in aula di cogliere la complessità del tema sicurezza, «che comprende tanti virus che richiedono ciascuno il proprio vaccino». Se un problema di fondo c’è, ha sottolineato attingendo alla poesia di Rodari, è il «misconoscimento del principio di autorità, che abbiamo contrabbandato con quello di autorevolezza».

Xxx

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui