Sicurezza, in Romagna 436 frodi creditizie rubando l’identità

Sicurezza, in Romagna 436 frodi creditizie rubando l’identità

Le frodi creditizie messe a segno rubando le identità “continuano a crescere e a incidere pesantemente sul comparto del credito al consumo”. L’Osservatorio Crif-Mister credit ne ha contate 27.000 in Italia nel 2018 per una perdita economica di circa 135 milioni di euro. In Regione sono stati 1.662 i casi di frode registrati l’anno scorso, 436 dei quali in Romagna. A Rimini conteggiati 179 casi, a Forli’-Cesena 136 (per un incremento percentuale del 26,6% e a Ravenna 121.

Gli uomini sono la maggioranza delle vittime (61,6%) con un’incidenza in crescita rispetto al 2017. Nelle classi di eta’ invece si nota un’inversione di tendenza, con un forte incremento delle vittime con piu’ di 60 anni (+14,7%), mentre diminuiscono i 31-40enni (-7,6%). In ogni caso, la fascia piu’ colpita rimane quella dei 41-50enni, con circa un quarto delle vittime. Quanto alle tipologie di finanziamento che finiscono nel mirino delle frodi, il prestito finalizzato continua a fare la parte del leone: in aumento del 28% arrivando a spiegare quasi tre casi su quattro, con un importo medio di 6.400 euro.

Con il 12,7% dei casi totali, sono in calo le frodi con le carte come quelle sui prestiti personali (-23%). Ma cosa si compra una volta ottenuta l’identita’ altrui? Nel 32,7% dei casi elettrodomestici, ma ci sono acquisti anche nel comparto auto-moto (l’11,8%), l’arredamento (9,9%), le spese per la casa (9,7%) e prodotti di elettronica, informatica e telefonia (8,5%). E ci vuole tempo per accorgersene: il 54% dei casi viene a galla entro sei mesi, ma ci sono casi scoperti tre, quattro, cinque anni dopo (in aumento del +2,6%). Andando ad analizzare i tempi di scoperta rispetto al valore del finanziamento fraudolento, emerge che la maggior parte dei casi emersi entro i sei mesi riguarda cifre sotto 5.000 euro (60,8%), mentre frodi da oltre 10.000 euro necessitano di tempi piu’ lunghi per venire individuati, il 14,9% oltre cinque anni.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *