Sicurezza in Romagna: i contributi della Regione per Imola, Cesena, Brisighella, Rimini, Riccione e Cattolica

La Regione Emilia-Romagna ha annunciato una serie di contributi per progetti legati alla sicurezza in Romagna.

A Imola 55.900 euro per il centro storico

“Spazi pubblici sicuri e accoglienti nel rispetto della legalità”. Si tratta di un intervento di miglioramento della vivibilità e sicurezza nel centro storico, con un’attenzione particolare a piazza Matteotti, piazza Caduti per la libertà, piazza Gramsci, Porta Montanara, viale Carducci, Giardini di S. Domenico e Complesso dell’Osservanza, parco dell’area ex manicomiale, adiacente al centro storico. In particolare, viene consolidata la sperimentazione, in accordo con la Prefettura di Bologna, della figura degli “Street Tutor”. Il progetto prevede inoltre l’aggiornamento e il rafforzamento del sistema di videosorveglianza comunale nel Parco dell’Osservanza.
Il costo totale del progetto è di 70.000 euro; la Regione assicura un contributo di: 55.900 euro.

A Cesena 150mila euro per l’area stazione

Il progetto “Un’altra stazione 4.0” è finalizzato a un complessivo intervento di prevenzione integrata nell’area della stazione ferroviaria interessata da fenomeni di disordine urbano fisico e sociale. In particolare, è programmata la sperimentazione, in accordo con la Prefettura di Forlì-Cesena, della figura degli “Street Tutor”. Verranno inoltre sviluppate azioni di presidio sociale, con il coinvolgimento attivo di un’equipe di educatori di strada e l’apertura di uno spazio socio aggregativo dedicato a giovani e studenti. Si intende inoltre rafforzare le attività di animazione socio-aggregativa della Zona Stazione, con il coinvolgimento di associazioni ed enti del Terzo Settore, pubblici esercizi e imprese del territorio. Infine, è previsto l’acquisto di un automezzo dedicato, in maniera coordinata, all’equipe dell’Educativa di Strada, agli Street Tutor, agli operatori del Progetto Giovani e ad altri soggetti coinvolti nelle progettualità dell’area stazione, così da favorire la valorizzazione del sistema integrato di sicurezza e prevenzione, la convivenza civile e l’inclusione sociale.
Il costo totale del progetto è di 187.500 euro; la Regione assicura un contributo di 150.000 euro.

Romagna Faentina e Brisighella: 141mila euro

Progetto “Sicurezza Urbana in Unione: l’Unione per i cittadini, i cittadini per l’Unione”. Il progetto è finalizzato a un complessivo intervento di prevenzione integrata nel territorio dell’Unione, con una specifica attenzione al Comune di Brisighella. In particolare, è prevista l’installazione di telecamere fisse con lettura targhe lungo le principali direttrici di accesso e di uscita dal Comune, che andranno ad integrare il sistema di videosorveglianza già operativo dell’Unione. L’intervento di prevenzione situazionale sarà accompagnato dalla realizzazione di una serie di interventi coordinati di animazione, presidio sociale e socioeducativi, con il coinvolgimento della rete locale dei servizi che si occupano di adolescenza al fine di prevenire fenomeni di disagio giovanile e di dispersione scolastica. Infine, si intende favorire la crescita di gruppi di controllo di vicinato nel territorio brighellese che risulta al momento meno coperto rispetto agli altri territori dell’Unione.
Il costo totale del progetto è di 177mila euro; la Regione assicura un contributo di 141mila euro.

Rimini “Viv’il Parco”: 140mila euro


Il Parco Sandro Pertini di Marebello è al centro dell’intervento di prevenzione integrata che ha lo scopo di riqualificare e potenziare la sicurezza urbana di questo spazio verde riminese. In particolare, si prevede la riqualificazione e valorizzazione degli spazi e il ripristino degli elementi di arredo, combinati con il potenziamento del locale sistema di videosorveglianza e dell’illuminazione pubblica, al fine di aumentare la visibilità dell’intera zona e il livello di sicurezza. Il progetto, che coinvolge i diversi settori dell’Amministrazione Comunale – lavori pubblici, polizia locale, ambiente, settore informativo – prevede una serie di azioni integrate che hanno come primo obiettivo quello di aumentare la fruibilità del parco da parte dei cittadini e dei turisti. Il programma di interventi comprende anche la connessione delle piste ciclabili che attraversano il parco alla rete cittadina di mobilità dolce e la creazione di spazi per le attività ricreative e sportive, a partire dalla realizzazione di due campi da padel, da aggiungersi alla definizione di un nuovo disegno generale delle essenze arboree. Oltre agli interventi strutturali, il progetto si pone anche come obiettivo quello di stimolare attività e iniziative nel Parco, in modo che diventi un luogo di aggregazione e un punto di riferimento per la comunità e per il quartiere, prevedendo situazioni di disagio e di degrado. Per questo, completate le opere di riqualificazione, si cercherà il coinvolgimento delle associazioni sportive e culturali, dei comitati della zona, delle famiglie, che potranno diventare protagonisti della rinascita della zona attraverso la gestione e realizzazione di attività ludiche, di animazione, di eventi.
Contestualmente nell’area di Marebello/Bellariva di Rimini è programmata la sperimentazione, in accordo con la Prefettura di Rimini, della figura degli “Street Tutor”.
Il costo totale del progetto è di 175.000 euro; la Regione assicura un contributo di 140.000 euro.

Cattolica, Street tutor: 92.500 euro

Il progetto si concentra nel centro storico e aree limitrofe interessate dal fenomeno della movida, con specifica attenzione all’asse continuo che interessa via Fiume, piazza I Maggio, lungomare Rasi Spinelli e zona portuale. In particolare, viene avviata la sperimentazione, in accordo con la Prefettura di Rimini, della figura degli “Street Tutor”. Il progetto prevede inoltre l’installazione di telecamere di videosorveglianza di controllo varchi che andranno ad integrare l’impianto comunale di video protezione territoriale. Successivamente si garantirà il collegamento dell’intero sistema comunale di videosorveglianza con la centrale radio operativa della Tenenza dell’Arma dei Carabinieri di Cattolica. Sempre nelle aree interessate, sono programmati interventi di potenziamento della pubblica illuminazione e di qualificazione dell’arredo urbano. Verranno, infine, organizzati convegni ed incontri di sensibilizzazione a favore della comunità rispetto al tema della sicurezza urbana e delle misure di prevenzione implementate.
Il costo totale del progetto è di 116.150 euro; la Regione assicura un contributo di 92.500 euro.

Riccione, Laboratorio San Lorenzo: 104mila euro

L’area della piazza di San Lorenzo e zone limitrofe sono al centro di un intervento di prevenzione ambientale fondato sul potenziamento dell’illuminazione pubblica e del locale sistema di
videosorveglianza e la riqualificazione degli arredi oltre alla risistemazione del verde pubblico nel parco intorno alla Chiesa di San Lorenzo. Il progetto prevede inoltre azioni di sensibilizzazione e prevenzione per mettere in guardia gli anziani, e non solo, dalle truffe e dai raggiri che vengono messe in atto nei loro confronti. Grazie a una compagnia teatrale saranno organizzate delle visite a domicilio proprio con l’intento di aiutare gli anziani a difendersi da truffe e furti. Seguirà l’allestimento di uno spettacolo teatrale dedicato alle forme di truffe e di contromisure di prevenzione sperimentate in occasione delle visite a domicilio.
Il costo totale del progetto è di 130.000 euro; la Regione assicura un contributo di 104.000 euro.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui