Sfoglia d’artista, mostra a Casa Artusi

Artista della sfoglia. Nel vero senso della parola. Emanuele Montanari, 34 anni, lughese, è un maestro d’arte diplomato all’Accademia di Belle arti e… uno sfoglino. Due passioni e abilità unite in una piccola e graziosa mostra “Di terra e di forma. Storia illustrata della sfoglia” che Casa Artusi ospita nella sua sede a Forlimpopoli.

Tavole illustrative che mostrano un racconto stilizzato e poetico, fatto di forme essenziali e colori accesi, l’essenza della sfoglia tirata a mano, alimento fondamentale della cucina romagnola. «Ho fatto il liceo artistico, poi l’Accademia, forse sarei dovuto diventare altro, ma quando mi sono trovato a un bivio, finiti gli studi, ho pensato che avrei voluto sviluppare l’altra mia passione: la cucina. Così mi sono iscritto a un corso di sfoglia, e poi alla scuola di cucina Alma a Colorno e per oltre sei anni ho lavorato in un laboratorio di sfoglia fatta a mano a Bologna, impastando e usando il mattarello». Nel contempo Emanuele ha continuato a coltivare le sue competenze originarie, lo ha fatto per rendere più accattivante il proprio profilo Instagram. Unendo due parti di sé e della propria storia personale, sono nate le tavole che raccontano la sfoglia e il suo territorio. Il colore che predomina è il giallo, positivo, del tuorlo d’uovo, del grano, del sole della Romagna, della tonda sfoglia e nelle immagini essenziali e pulite racconta come nasce una sfoglia, gli ingredienti e le forme che può assumere grazie alla perizia di chi li manipola. Le tavole resteranno esposte a Casa Artusi fino a settembre, quindi anche durante la Festa Artusiana che andrà in scena dal 31 luglio all’8 agosto, in preparazione c’è un evento finale che vedrà Emanuele probabilmente rimettere il grembiule da sfoglino.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui