RAVENNA. Un rapporto orale in spiaggia, in pieno pomeriggio, sotto gli occhi di decine di bagnanti che a loro volta si sono divisi in due fazioni: gli spettatori che a loro modo si sono resi partecipi di quell’effusione osée, e chi invece ha chiamato le forze dell’ordine dopo aver tentato invano di interrompere lo spettacolo a luci rosse.
È successo sabato alla Bassona, nello storico tratto di arenile a Lido di Dante in cui è praticato il naturismo. Ora per i due coniugi identificati dalla polizia locale – si tratta di una 40enne e un 47enne residenti nel Mantovano – è stato staccato un verbale per atti osceni in luogo pubblico, che si è tradotto in un’oblazione da 10mila euro a testa.
A dare l’allarme alla polizia locale, attorno alle 16.30, è stato un bagnante, che dopo essere intervenuto è stato anche insultato da uno dei presenti.

Argomenti:

ATTI OSCENI

bassona

lido di dante

naturismo

spiaggia

1 commento

  1. Mi congratulo con il naturista che ha assistito alla vergognosa scena di due persone che commettevano atti osceni ed altri che li seguivano commettendo anch’essi atti osceni e che ha poi chiamato il 112 .Mi dispiace che troppi quando assistono a fatti del genere che di tanto in tanto sento dire che capitano non ci sia la stessa reazione da parte dei presenti facendo in modo che questo abbia portato poi ad una scarsa presenza di famiglie con bambini.
    Mi dispiace che sia stato segnalato per una sanzione amministrativa solo la coppia che ha acceso le luci rosse e non gli altri che facevano da contorno.

    Se i controlli che negl’inni, a mio parere, sono stati inesistenti , con sanzioni da 10000€ tanti si sarebbero ben guardati dal compiere certi atti osceni: spero che in futuro la forza pubblica faccia alcuni controlli pure in borghese come fecero i carabinieri della stazione appena nata di Lido Adriano negl’inni 90.
    Io sabato 25 luglio ero in spiaggia ed a quell’ora me ne stavo andando e non ho visto nulla, però la mattina mi è parso di vedere nuovamente la polizia locale a non sanzionare persone che camminavano sulla duna quando il camminare, l’attraversamento e la sosta è vietato dalla recente ordinanza sindacale di riconoscimento dell’area naturista e tutti (tranne rare eccezioni) percorrono la duna per accedere alla spiaggia ed i segni sono ben visibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *