Serie D, la bestia nera Sammaurese sulla strada del Forlì

Se qualcuno volesse fare uno sgarbo al tifoso forlivese dovrebbe citare una semplice parola scandita in quattro sillabe: Sammaurese. Il poeta Pascoli non c’entra nulla, così come gli opposti colori politici dei due comuni. A fare venire qualcosa di più di un’orticaria ai fans del galletto sono la lunga serie di viaggi in terra sammaurese divenuti un’odissea più complicata delle sirene per Ulisse. Il terreno di battaglia è il Macrelli, tanto ammirato per la bellezza del manto quanto difficile per un risultato che mai ha sorriso ai colori biancorossi in serie D. In attesa di aggiornare il conto a domani quando le due formazioni si affronteranno, il computo ad oggi parla di sei incroci a San Mauro Pascoli terminati con tre vittorie della Sammaurese e tre pareggi. Già questo dice molto del trend tra le due squadre. Se poi volessimo allargare lo sguardo alle partite tra andata e ritorno il totale si farebbe ancora più favorevole alla Sammaurese vittoriosa per ben sei volte, al cospetto di due soli hurrà made in Forlì tutti al Morgagni, conditi anche da tre salomonici pareggi a sancire il pari e patta tra le due squadre di Romagna più longeve in questa categoria negli ultimi anni.

Forlì sempre davanti

Poi è vero, la classifica finale ha sempre premiato il Forlì, arrivato quattro volte su sei sopra i pascoliani al termine della stagione (uniche eccezioni lo scorso campionato a pari punti e nella stagione 2018-2019, vinta dal Cesena, con i Galletti salvi nelle ultime gare). Tuttavia è evidente la differenza di budget tra le due squadre, proclamata dagli obiettivi annunciati ad inizio campionato, con la Sammaurese che non ha mai fatto mistero di ambire alla salvezza a dispetto di un Forlì sempre costruito per piani più consoni al suo blasone.

Il fattore Bonandi

C’è poi un Fattore B che ha sempre lasciato il segno nell’incrocio tra le due squadre. La “B” sta per Bonandi, bandiera della Sammaurese che ha vestito per una stagione anche la maglia del Forlì (2019/20). Il numero 10 pare abbia un conto aperto con i galletti, contro i quali ha giocato nove volte segnando 6 reti. Il battesimo è stato nel primo confronto nella stagione 2015/16 quando la Sammaurese al Macrelli stese il Forlì allenato da Gadda (2-0 il finale). Nel ritorno concesse il bis, ancora a segno nel blitz al Morgagni dei giallorossi (1-2). Anche se i gol che hanno fatto più rumore sono arrivati successivamente: uno è stata la spettacolare rovesciata finita addirittura nelle televisioni nazionali nella vittoria pascoliana al Morgagni (0-1, campionato 2018/19), l’altro ha aperto la strada all’incredibile cinquina giallorossa (1-5, stagione 2020/21). Giusto per rimanere in tema, Bonandi negli ultimi tre confronti in campo da titolare ha sempre fatto gol. Domani l’attaccante è in forte dubbio per un problema muscolare che gli ha fatto saltare anche il match contro il Lentigione. Non ci sarebbe da stupirsi se qualcuno a Forlì facesse pure una macumba a supporto…

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui