Senza concerto, ma si farà. Notte d’Oro il 22 ottobre a Ravenna

Sarà in tono minore come quella dello scorso anno, ma si farà. Si terrà venerdì 22 ottobre la Notte d’Oro, nel centro di Ravenna, tornando alla tradizionale denominazione – con l’aggiunta di “Spazi aperti” – dopo la passata edizione dedicata a Dante Alighieri. Come nel 2020, infatti, non è in programma il concerto in Piazza del Popolo e si punterà soprattutto su visite guidate, mostre, incontri, monumenti aperti ed eventi multimediali. Il tutto, ovviamente, in osservanza alle norme anti Covid in vigore in questo particolare periodo storico, con il green pass obbligatorio nei luoghi al chiuso, dai musei fino ai ristoranti.

Anche quest’anno, quindi, non è previsto il clou dell’appuntamento musicale nel cuore della città, in quanto mantenere i necessari distanziamenti avrebbe trasformato il concerto in uno spettacolo troppo “selettivo”. In piazza c’è la possibilità di collocare solo un massimo di quattrocento sedie, un numero del tutto insufficiente di posti in considerazione del grande afflusso di persone che l’evento di solito catalizza, con il timore molto concreto di creare pericolosi assembramenti. «Negli anni passati – spiega l’assessore al turismo, Giacomo Costantini – ad assistere al concerto si andava dalle 2mila alle 3mila persone. Meglio non correre rischi e attendere tempi migliori».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui