Senhit verso l’Eurovision con “Adrenalina”. L’intervista

Sarà un Eurovision a tutta adrenalina per la “freaky queen” Senhit, che per le seconda volta, dopo il 2011, salirà sul palco del celebre contest in rappresentanza di San Marino. Dopo lo stop dello scorso anno a causa della pandemia ritorna l’attesissimo appuntamento con l’Eurovision song contest 2021, in programma a Rotterdam dal 18 maggio.

Un lancio vero e proprio per la sua “Adrenalina”, è questo il titolo del il brano con cui Senhit si esibirà. Ha pensato bene, infatti, di lanciarsi da un aereo per presentare al suo pubblico, in anteprima, il singolo aprendo un paracadute con la scritta “Adrenalina”. Si è librata tra Bologna e San Marino. Ed è stato subito successo tra i suoi fan.

Sul sito di Eurovision è già stato pubblicato il video della versione speciale del pezzo destinato al prestigioso palco, interpretato dalla cantante italo-eritrea con la partecipazione del rapper multiplatino Flo Rida. Il pezzo uscirà il 12 marzo. Per Senhit del resto ogni brano è un vero e proprio progetto artistico a 360 gradi. “Freaky trip to Rotterdam”, un viaggio nella storia delle canzoni Eurovision, con oltre 4 milioni di visualizzazioni ne è la riprova. Ogni mese un brano diverso accompagnato da una vera e propria opera d’arte. Con la direzione artistica di Luca Tommasini.

«Sono molto felice dell’accoglienza che ha ricevuto “Adrenalina” – esordisce Senhit – il pezzo mi è praticamente esploso in mano. Nel video del brano io e Luca Tommasini abbiamo cercato di dare spazio a tutte le sensazioni legate all’adrenalina. Non vedo l’ora di salire su quel palco».

Intanto per lanciare il singolo si è lanciata lei…

«Mi serviva una presentazione adrenalinica che sposasse il mood della canzone. Quando ho proposto questa mia idea folle all’azienda che mi sponsorizza da anni, non ho più avuto modo di tirarmi indietro. Erano tutti entusiasti all’idea. Mi ero già lanciata con il paracadute ai tempi della scuola con il mio fidanzatino di allora, alla scuola di paracadutismo di Molinella. All’epoca però ho provato più paura che altro. Questa volta mi sono imposta di provare a godermi il lancio. In aria urlavo come una pazza. È stato bellissimo, la presentazione perfetta per questo brano».

Come è arrivata alla scelta del brano da presentare all’Eurovision ?

«Lo scorso anno avrei dovuto partecipare con il brano “Freaky”, poi tutto è stato annullato a causa della pandemia. Ci è stato chiesto di portare un pezzo nuovo. Nel buio della mia stanza mi sono messa ad ascoltare tantissimi brani che mi hanno proposto diversi team. Tra questi ho scelto un gruppo di professionisti misto europeo che ha già lavorato in passato per l’Eurovision. Mi piaceva molto l’idea della parola adrenalina in italiano».

Musicalmente rispecchia il suo mondo?

«Abbiamo lavorato molto sull’arrangiamento musicale. Volevo che dentro ci fossero anche le mie origini, quindi è un pezzo electro pop internazionale dove però non mancano sonorità e strumenti eritreei, come per esempio il kebero, un tamburo, e il krar, che è una chitarra. È un bel mix di razze e colori ricercati. Poi c’è il jingle in italiano perché non dimentichiamo che io sono italiana».

Con il rapper Flo Rida c’è stato subito feeling?

«Ci siamo sentiti via web e gli è piaciuta subito la canzone. Mi ha regalato queste barre, che tra l’altro si inseriscono benissimo nel testo. Nel brano in versione Eurovision quello di Flo Rida è solo un cameo. Poi c’è una seconda versione in cui ha molto più spazio».

Cosa spera di trasmettere al pubblico dell’Eurovision?

«Spero che arrivi tutta la mia forza adrenalinica, il desiderio irrefrenabile di vivere. Questo lungo periodo di chiusura mi ha insegnato a godermi la vita, apprezzando anche le piccole cose di tutti i giorni».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui