Passione e talento per la scrittura si sono fusi con l’impegno a dire forte e chiaro che le parole “amore” e “violenza” non possono mai essere abbinate nell’evento conclusivo del concorso letterario “Se questo è amore”, organizzato dall’associazione “Perledonne”. L’iniziativa, a cui hanno preso parte un centinaio di persone, si è svoltaieri nel parco di Villa Silvia ed è culminata nelle premiazioni dei migliori dei 27 racconti esaminati da una commissione formata da Dea Campana, Sandra Canduzzi Pieri, ideatrice del concorso, Gabrio Casadei Lucchi, Annamaria Piraccini, presidente di “Perledonne”, Franco Spazzoli e Renzo Zignani.

Ha vinto Silvia Bertozzi, con “L’attesa”, storia intensa e non retorica che si dipana dentro una camera d’albergo e che risce a spingere dentro le tenebre della violenza del genere e al tempo stesso indicare una via di fuga e di rinascita. Secondo classificati ex-aequo Gianna Botti (“La margherita”) e Giuseppe Endemini (“La Madonna del tè”). Terza Patrizia Biozzi, con “Il fischio della poiana”. Menzioni speciali per Giancarlo Biasini, Graziano Dall’Ara e Mario Mercuriali. Questi sono gli autori i cui racconti sono stati pubblicati in un gradevole opuscolo..

A tutti i partecipanti è stato comunque consegnato un attestato, a riconoscimento della qualità generale degli elaborati pervenuti. Lo hanno ricevuto Fiorenzo Barzanti, Francesca Barzanti, Carla Bondanini, Laura Brunelli, Sara Buccherini, Mariella Busi, Riccarda Casadei, Nicoletta Ciani, Lidia Fabbri, Tonina Facciani, Monica Gualdi, Gianfranco Lauretano, Marco Magalotti, Lorella Maroncelli, Caterina Molari, Patrizia Muzzi, Patrizia Pezzi, Carlotta Rinaldini, Paolo Massimo Rossi, Stefano Zanoli.

La cerimonia a Villa Silvia, presentata da Cristina Zani e con letture di Sabrina Guidi, è stata impreziosita anche da una cornice musicale di spessore. a cura del Conservatorio “Maderna”. A sfoggiare le loro dori il baritono Andrea Jin Chen, il soprano Eleonora Benetti e il pianista Giacomo Fiori.

Argomenti:

Perledonne

premio

violenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *