Scuola in lutto, morto l’ispettore romagnolo Giancarlo Cerini

Una vita per la scuola: lutto nella comunità professionale scolastica. L’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna ha reso nota la scomparsa dell’ispettore Giancarlo Cerini, 70 anni, faentino di nascita e forlivese d’adozione, colonna portante delle scuole emiliano-romagnole e dell’intero Paese. Persona illuminata e illuminante, dopo un periodo di lotta coraggiosa vissuta con dignità e forza, ha subito il sopravvento della malattia. Attivo da decenni sui temi della formazione, pensatore fine, saggista, scrittore, curatore di pubblicazioni che hanno accompagnato stagioni di riforme e di innovazioni, ha saputo guidare le comunità professionali scolastiche con passione e dedizione instancabile. Percorrendo la penisola con entusiasmo, si appassionava nel parlare con le maestre e i maestri, con gli educatori tutti nei tanti momenti di convegni e seminari cui era costantemente invitato. La sua penna sagace ha scritto parti importanti dell’attuale scuola, tra le azioni più recenti il contributo alla stesura delle Indicazioni Nazionali per la scuola dell’infanzia e del 1°ciclo di istruzione, ai grandi piani per la formazione dei docenti e per l’apprendimento della lingua inglese, alla redazione delle linee pedagogiche del curricolo 0-6 anni. L’Ispettore Cerini lascia un’eredità preziosa fatta di umanità sopraffina, di attenzione per tutti condita da ironia e leggerezza romagnola. L’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna esprime infine il più sentito cordoglio alla famiglia e si stringe nel dolore in un abbraccio ai suoi cari. Al quale si unisce il cordoglio del Corriere Romagna.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui