Scossa di terremoto di magnitudo 4.3 nelle Marche: trema anche la Romagna

Una forte scossa di terremoto di magnitudo 4.3 sulla scala Richter con epicentro Montefelcino (in provincia di Pesaro-Urbino) è stata avvertita nelle Marche e in buona parte delle Romagna. La scossa, con profondità di 38 chilometri, è arrivata alle 12.53. Tre minuti dopo una seconda scossa più leggera di magnitudo 2.7 (profondità 37 chilometri). Questa volta con epicentro Serrungarina (sempre in provincia di Pesaro-Urbino) località che dista poco meno di 9 km da Montefelcino. Tanto spavento nelle Marche e la scossa è stata avvertita in Romagna nelle province di Rimini e Forlì-Cesena. Alle 13.25 ecco una terza scossa sempre con epicentro a Serrungarina, di magnitudo 2.3 e a 40 km di profondità.

Nel territorio marchigiano, molte le chiamate ai vigili del fuoco di persone spaventate per la scossa e che l’hanno segnalata. Al momento non risultano invece segnalazioni di danni o di persone ferite. È quanto conferma il Dipartimento della Protezione Civile dopo una serie di verifiche con le strutture locali. A Montefelcino, dopo la prima scossa, i cittadini sono scesi in strada e sono state evacuate le scuole medie e la scuola elementare del Comune. Per le strade cittadine è in corso un monitoraggio dei carabinieri e, al momento, non si segnalano danni né a persone né a cose.

Il 21 ottobre del 2006 a poco più di una decina di chilometri a sud-est dell’epicentro di oggi fu localizzato un terremoto di magnitudo e profondità ipocentrale simili: Ml 4.2 a 36 km di profondità.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui