Nadia Rossi

“Giorgia Latini, la neo assessora leghista della Regione Marche – alle Pari Opportunità, peraltro, e unica donna della giunta Acquaroli con sei uomini, addirittura – se ne è uscita con una dichiarazione pericolosa e gravissima. Vuole rimettere in discussione l’aborto, un diritto sacrosanto conquistato grazie a un referendum popolare, e per iniziare la sua battaglia intende partire dal divieto di ricorrere alla RU486, la pillola abortiva”. Lo scrive in una nota la consigliere riminese del Partito democratico Nadia Rossi. 

“Mi piacerebbe che le prime dichiarazioni di una neo assessora alle Pari Opportunità partissero dalla volontà di migliorare le condizioni delle donne, non da un tentativo di imporre una propria posizione personale. Pensate che Latini, ex Deputata, si era presentata alle elezioni per il Parlamento del 2018 con lo slogan “il cambiamento parte da noi”. Intendeva probabilmente un balzo indietro di alcuni decenni per quanto riguarda i diritti delle donne come cambiamento. Un cambiamento che invece penso – e mi impegno a realizzare nelle mie battaglie come consigliera regionale – debba consistere in un balzo in avanti per una maggiore equità e riconoscimento del valore delle donne e delle loro libere scelte”. La consigliere dem insiste: “Dove la sanità e le procedure che garantiscono il diritto all’aborto in sicurezza non sono presenti, le donne hanno due scelte: spostarsi verso Regioni come l’Emilia-Romagna per vedere riconosciuto un proprio diritto o affidarsi a mani non sicure. Se un’assessora ha a cuore la salute delle proprie concittadine dovrà quindi agire per consentire loro di poter ricorrere alle misure più sicure, senza penalizzarle in alcun modo. Mi dispiace per chi ha contribuito alla nomina di Latini e prima ancora alla sua elezione alla Camera dei Deputati, doversi probabilmente ritrovare distante da quelle posizioni. Perché, diciamolo, il diritto all’aborto non è di destra né di sinistra, è delle donne e nessuno può permettersi di giudicare una scelta – intima e delicata, su questo penso che non ci sia dubbio – personale”. 

Argomenti:

aborto

LEGA

marche

Pd

rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *