Scontri in A14 a Riccione, Daspo a 22 ultras di Padova e Vicenza

Scontri in A14 a Riccione, Daspo a 22 ultras di Padova e Vicenza

RIMINI. Si incrociarono lo scorso 22 settembre nell’area di servizio Montefeltro Ovest della A14, nel territorio del Comune di Riccione. E nel piazzale 22 ultras appartenenti alle frange estreme delle tifoserie di Padova e Vicenza iniziarono a darsele a colpi di mazze, bottiglie e cinture. Una violenta rissa in cui rimase ferito un agente della questura di Vicenza di scorta al convoglio mentre un tifoso patavino riportò gravi lesioni. Per gli scontri, nei confronti dei tifosi coinvolti (10 del Padova e 12 del Vicenza), individuati dalla Digos (coordinata dal pm Paolo Gengarelli) anche grazie alle telecamere, la Questura ha adottato altrettanti Daspo che vietano loro l’accesso agli stadi; una decina di tifosi inoltre dovrà presentarsi in Questura e firmare l’apposito registro ogni volta che Padova o Vicenza disputeranno una partita. Stando a quanto ricostruito, gli indagati si trovavano in transito nella provincia di Rimini per raggiungere le città di Pesaro e Gubbio dove alle 17.30 erano in programma gli incontri di calcio di serie C “Vis Pesaro-Padova” e “Gubbio-Lanerossi Vicenza”.

Durante la sosta in autogrill, quando i vicentini, scortati da una pattuglia della Polizia, erano saliti a bordo dei propri mezzi pronti per partire, facevano ingresso nell’area di servizio i padovani che fermavano i veicoli all’inizio della zona di parcheggio dei mezzi pesanti, in un punto non accessibile alla vista della opposta tifoseria, scendendo rapidamente, già tutti travisati e armati di mazze. 

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *