Tra gli essenziali per svolgere bene e in sicurezza il proprio lavoro, non possono mancare i dispositivi di protezione individuale, denominati dalla sigla DPI. Si tratta di dispositivi che ogni singolo lavoratore deve essere fornito per proteggersi durante lo svolgimento dei suoi compiti. Sono obbligatori e ogni impresa deve prevederli nel documento di prevenzione rischi. È sempre il datore di lavoro che deve fornire le adeguate protezioni ai suoi dipendenti. Possono essere diversi in base la tipo di lavoro svolto; per esempio, se durante il lavoro si sprigionano polveri e altri residui aerei è necessario indossare occhiali protettivi e mascherina con filtro. Nel caso in cui si maneggiassero prodotti incandescenti, servono invece guanti, grembiule e manicotti adeguati.

Ci sono però delle dotazioni abbastanza trasversali per tutti i lavoratori e sono le scarpe antinfortunistiche. La protezione dei piedi è essenziale in ogni genere di lavoro: in fabbrica, in cantiere, movimentazione merci, etc. Bisogna però fare attenzione perché le scarpe antinfortunistiche si www.ferramentagiusti.com hanno delle caratteristiche diverse da selezionare con attenzione in base all’attività svolta. Le scarpe antinfortunistiche non sono tutte uguali e sono classificate in maniera diversa in base al loro profilo di sicurezza, come spiegato di seguito.

Scarpe antinfortunistiche SB

Si tratta del modello base perché queste calzature presentano requisiti di sicurezza minimi. Il puntale è rinforzato per evitare infortuni a causa della caduta di oggetti pesanti e la tomaia protettiva. Sono consigliate per qualsiasi tipo di lavoro, compresi quelli in casa per evitare infortuni. La suola è sempre realizzata in gomma in maniera da isolare nel caso di contatto con l’elettricità.

Scarpa antinfortunistica S1

Una scarpa antinfortunistica denominata S1 ha un profilo di sicurezza maggiore poiché ha una suola antiscivolo che incorpora delle caratteristiche antistatiche. Inoltre, la scarpa è protetta nell’area del tallone al fine di poter assorbire tutti gli urti.

Scarpe antinfortunistiche S2

Ad ogni scatto di classe, le scarpe antinfortunistiche aggiungono qualcosa rispetto a quelle precedenti. Le S2 sono pensate per chi lavora all’esterno perciò sono idrorepellenti, garantendo piedi asciutti anche se si entra in contatto con l’acqua.

Antinfortunistiche S3

Quando si parla di una scarpa antinfortunistica S3, in più rispetto a quelle precedenti, presenta una lamina anti perforazione in maniera che il piede sia protetto da oggetti come chiodi e schegge. La suola, inoltre, è scolpita in maniera da assicurare ottima aderenza anche ai terreni più scivolosi e dissestati.

Scarpa antinfortunistica S4

Una calzatura S4 viene utilizzata per tutti quei lavoratori che entrano in contatto con gli idrocarburi e altre sostanze acide. Di solito, all’interno di questa categoria sono presenti anche gli stivali in gomma antinfortunistici.

Scarpe antinfortunistiche S5

Rispetto alle scarpe antinfortunistiche S4, quelle classificate S5 hanno due caratteristiche di sicurezza in più diventando quelle più sicure in assoluto presenti sul mercato. Vantano una lamina anti perforazione e la suola tassellata oppure scolpita per rispondere alle richieste più esigenti sul posto di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *