Savignano, il pane consigliato in base al gruppo sanguigno

Artista e fornaia, dal messaggio positivo delle foglie autunnali al pane secondo il proprio gruppo sanguigno. Paola Bernabini è titolare di un forno nel quartiere Cesare di Savignano, ma chi entra nel suo negozio ne rimane colpito anche per aspetti vari.

Una vita tra arte e farina

«Mio padre era di Bertinoro e mia madre di Borghi – si racconta Paola Bernabini – i miei genitori poi convolarono a nozze e sono nata io, ritengo concepita direttamente sui sacchi di farina del forno. Sono praticamente cresciuta in bottega. Facendo lo slalom tra i sacchi di farina ho imparato a quattro anni ad andare in bicicletta. Nel 1968 i miei genitori hanno aperto un forno a Miramare. Li ho sempre seguiti e lavoravo con loro, ma sentivo dentro di me la vocazione di dipingere e fare sculture, utilizzando colori, colle e altri materiali. Allora, pur lavorando in bottega, in contemporanea, ho aperto una galleria d’arte su via Oliveti a Miramare di Rimini per esporre le mie opere e quelle di artisti amici. In seguito i miei genitori hanno voluto avvicinarsi alla casa di Musano di Roncofreddo. Così hanno venduto a Miramare e hanno aperto il forno a Savignano».

Mostre e volontariato

Come artista ha esposto anche a Cuba, Parigi, India e qualche anno fa in fiera a Forlì. «L’arte è come il pane – afferma – sono stata anche volontaria e ho regalato vari miei quadri ad associazioni benefiche. Quando ho chiuso la galleria dei quadri, oltre a fare sempre il pane, ho continuato a fare mostre in giro per il mondo. Sono stata ad esporre a L’Avana, in India e tanti altri posti. Sono andata a conoscere anche il Dalai Lama. Seguo con passione i corsi di naturopatia organizzati a Sogliano. Poi eseguo laboratori gratuiti per i bambini, durante l’estate, presso la mia casa di Musano. La mia pittura è astratta, io dipingo con le mani e quando lo faccio cado come in tranche».

Pane e positività

Ora che il padre non c’è più e la madre è anziana la fornaia-artista è meno libera per l’arte, Ma nella vetrina del forno spicca un grande messaggio di positività, contornato anche con foglie secche e aggiungendo parole di speranze contro il Covid e questo periodo difficile. I clienti o semplici curiosi ne sono rimasti impressionati. Ma un’altra caratteristica unica è che nella bottega Paola suggerisce il pane anche in base al gruppo sanguigno: «Mi limito a dare consigli che espongo in una finta lavagna: di fatto è un cornice con un fondo nero che ho creato sul posto».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui