Savignano, un contributo di 310mila euro a sostegno delle imprese

La Giunta Comunale nella seduta di ieri, venerdì 30 luglio, ha deliberato un contributo di 310 mila euro a fondo perduto da destinare alle imprese economiche e professionali locali pregiudicate dall’emergenza sanitaria da Covid-19. L’iniziativa è condivisa delle Associazioni di categoria del Rubicone, Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato e Cna. Nel dettaglio, una quota di 100mila euro è destinata a ristoranti, bar, strutture ricettive, pasticcerie, gelaterie, pizzerie al taglio, piadinerie, attività di cura alla persona e di commercio moda e calzatura con sede fissa che hanno registrato un calo di fatturato medio mensile di almeno il 25 per cento rispetto al periodo pre-pandemia. Una seconda tranche da 100.000 euro è destinata a imprese operative nel territorio comunale che abbiano registrato un calo di fatturato di almeno il 30 per cento nel periodo 1 marzo 2020 – 31 maggio 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019. Il contributo sarà erogato con un limite massimo di 2.000 euro per beneficiario. Una terza tranche di 110 mila euro è destinata alle attività in ambito sportivo, quali palestre e personal trainer. Tra le prime, quelle che che al 31 dicembre 2020 hanno registrato un calo di fatturato di almeno il 25 per cento rispetto al 2019, che potranno ricevere un contributo massimo di 8 mila euro. Istruttori e personal trainer titolari di Partita Iva riceveranno un contributo (massimo di 1000 euro ciascuno).

Per accedere al contributo sarà sufficiente produrre domanda in carta semplice, una modalità per semplificare l’accesso agli aiuti. Il bando sarà pubblicato sul sito del Comune.

Questa ulteriore misura di sostegno arriva dopo l’abbattimento delle tariffe Tari 2021dal 6 all’8 per cento per le domestiche e sconti fino al 65 per cento per le imprese, deliberato a fine giugno attingendo 346 mila euro dal fondo anti Covid e 250 mila euro dal recupero evasione fiscale. Nel 2020 erano stati stanziati 300 mila euro con il primo Fondo sostegno alle imprese cui aveva fatto seguito una “manovrina” di abbattimento del 25 per cento della Tari per tutte le imprese del comune nel settembre 2020, il differimento del pagamento delle rate della Tari ordinaria 2020 e 2021, gli interventi di proroga ed esenzione realtivi alla Cosap, sempre nel 2020, oltre all’esonero per tutti gli ambulanti del mercato settimanale del martedì con un impegni di bilancio di 50.000 euro.

“Come avevamo anticipato – afferma il sindaco Filippo Giovannini con la Giunta comunale – vogliamo essere vicini con continuità ai nostri impreditori colpiti duramente della crisi economica. In condivisione con le Associazioni di categoria rinnoviamo il Fondo sostegno, una decisione di concretezza e rapidità che crediamo siano gli elementi indispensabili per infondere fiducia. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria, la cifra stanziata per affiancare i nostri imprenditori, tra sgravi sull’occupazione del suolo pubblico, sconti Tari e contributi si aggira intorno al milione di euro”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui