Savignano, perno segnalato e non rimosso fa cadere anziano

Savignano, perno segnalato e non rimosso fa cadere anziano

SAVIGNANO. Un perno sporgente dal marciapiede fa cadere un anziano. E scoppia il malcontento. «Era stato segnalato in via Mura già da un mese – è la protesta – ma nessuno si è mosso».
Della vicenda se ne parla in città e alcuni residenti sono molto amareggiati per un incidente che probabilmente poteva essere evitato.

L’incidente

«Mi sento furioso – riferisce anche il presidente della Consulta del centro storico di Savignano, Emanuele De Carli – Quasi un mese fa avevo fatto notare al Comune che a seguito di più segnalazioni dei residenti c’era in via Mura la pericolosa presenza di un perno sporgente dovuto alla rottura di un paletto divisore sul marciapiede che risulta mancante. Non ho ricevuto nessuna risposta. Poi domenica ho saputo che un anziano residente in zona ha inciampato proprio su quel perno, cadendo, con conseguente arrivo dell’ambulanza e finendo in seguito al pronto soccorso».

Annunciato cambio strategia

«In qualità di presidente del quartiere centro storico – prosegue De Carli – sento il diritto di vedere sistemati i problemi denunciati dalle segnalazioni finora fatte, che peraltro sono numericamente contenute. Visto che i toni pacati e moderati verso l’amministrazione comunale, mantenuti finora, non hanno portato nessun risultato, d’ora in poi porterò tutte le segnalazioni direttamente all’ufficio Urp per non aver più sulla coscienza altri fatti gravi come questo e inoltre da adesso in avanti denuncerò pubblicamente tutto ciò che non funziona e tutte le mancanze dell’amministrazione. Da domani inizierò a consegnare e a protocollare con timbro comunale decine di segnalazioni, fin quando non finiranno l’inchiostro».

Migliorare il centro

«Amo la mia Savignano – conclude De Carli – nei prossimi anni farò di tutto per poterla migliorare, con o senza l’aiuto dell’amministrazione comunale, partendo dal centro, il quartiere che ufficialmente rappresento davanti ai cittadini».

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *