Anatre e pesci morti nel Rubicone nelle ultime settimane: ora indagano carabinieri, Arpae e Ausl. La preoccupazione nella frazione Fiumicino è elevata.

Una vicenda misteriosa

Nelle ultime settimane in località Fiumicino, alla spicciolata, sono stati trovati morti pesci e anatre. Le segnalazioni sono state fatte in Comune e poi un consigliere comunale ha allertato anche i carabinieri sezione biodiversità (ex Forestale) di Cesena, mentre il servizio ambiente del Comune giovedì scorso ha avanzato richiesta di approfondimenti ad Arpae e Ausl, gli enti si sono mossi per esaminare le modalità e alcuni esemplari deceduti senza apparente motivo.

I residenti nella frazione

«La prima segnalazione è stata fatta in Comune da un operatore economico residente a Savignano – informa Filippo Salvi, consigliere comunale di minoranza ed ex presidente della Consulta di Fiumicino – anche io di persona ho notato pesci e anatre morte. Visto che nessuno si muoveva poi ho costeggiato il Rubicone ed ho notato di persona 5-6 esemplari di anitre morte senza apparente motivo. Atteso ancora del tempo, e visto che un altro residente mi ha segnalato che un altro mucchio consistente di anatre erano morte e si trovava più a valle di Fiumicino, mi sono prima confrontato con un esperto di Rimini e poi ho allertato i carabinieri competenti per la biodiversità di Cesena. Posso anche dire che nei giorni antecedenti non si sono viste anatre in giro ed era abbastanza strano. Poi sono ricomparse e al posto della solita cinquantina erano meno della metà. Però quando i carabinieri sono andati a cercare il quantitativo più cospicuo avvistato dall’altro residente non ne hanno trovata traccia, forse i corpi sono stati trasportati dall’acqua verso Capanni o nascosti dalla vegetazione».

«Ho visto coi miei occhi pesci morti e varie anatre senza vita – aggiunge Barbara Trattnig, presidente della Consulta di Fiumicino – e l’ho tempestivamente segnalato all’assessore all’ambiente. Certamente i residenti sono preoccupati per quanto è successo e tutti adesso vogliono saperne le cause».

L’assessore comunale

«Un fenomeno di moria pesci era successo un paio di anni fa – sottolinea l’assessore comunale Natascia Bertozzi – ma allora erano cause naturali e climatiche dovute alla siccità. Lo stesso fenomeno che è successo nei giorni scorsi di nuovo a Savignano, più a monte, ma senza moria di pesci. Per le anatre fino a qualche giorno fa si parlava di 3-4 esemplari e tutto rientrava nella norma. Poi giovedì gli uffici hanno preferito allertare Arpae e Ausl per avere tranquillità che per le anatre morte non sia stato un motivo non naturale. Ora non resta che attendere il responso degli enti. A mio avviso, non ci sono inquinamenti e anche il numero delle anatre è inferiore rispetto a quanto ora ipotizzano alcuni cittadini allarmati e senza prove. I casi accertati al momento non sono tanti».

Argomenti:

anatre

ARPAE

carabinieri forestali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *