“Si fest” 2020 arriva alla conclusione con l’ultimo weekend di apertura : sabato 3 e domenica 4 ottobre le mostre dislocate nel centro storico saranno visitabili dalle 10 alle 19 e sarà attivo anche il bookshop all’infopoint di corso Vendemini 29.

L’ingresso è sempre gratuito.

Identità europea e parità di genere

Nell’ambito del progetto europeo “Ide. Reconstrution of identities”, Si fest ha lanciato a partire dall’ottobre 2019 un contest su Instagram legato a tre parole chiave: identità, dialoghi ed Europa. È stata scelta come foto vincitrice ed esposta fino al 4 ottobre al Consorzio di bonifica “Bacio socialista fraterno tra Ludmylla Breznev ed Erika Honecker 1979” di Ana Amado, tratta dalla serie “Lideresas (Female leaders)” che abbina a una operazione concettuale i temi della parità di genere nelle posizioni di leadership e potere, prendendo come punto di riferimento immagini iconiche della contemporaneità offerte in modo ironico e spiazzante.

In questa serie di immagini la nota fotografa e architetta madrilena esplora la lotta per l’uguaglianza e i diritti delle donne. Un lavoro premiato a livello internazionale ed esposto alla Biennale di Venezia, alla London Royal Academy of Arts, al Museo Picasso di Barcellona e da molte altre istituzioni.

Amado, a cosa si ispira il progetto “Lideresas”?

«Dietro al progetto si trova una storia tremendamente umana che può interessare molte persone, soprattutto donne mature. Come donna, e come fotografa, da qualche tempo cercavo di sviluppare un saggio visivo sulla disuguaglianza di genere. Tutti possiamo vedere l’enorme disuguaglianza tra uomini e donne, specialmente in posizioni di responsabilità e di leadership, e rimane schiacciante. Questo squilibrio diventa ancora più evidente nelle donne anziane, in particolare quelle sopra i 60 anni, le più grandi assenti nei posti di comando. Anche se continuano a svolgere un ruolo essenziale come sostegno alle famiglie, prendendosi cura dei nipoti, dei loro partner e degli anziani, sono invisibili alla società. Questo progetto ha lo scopo di rivolgere il nostro sguardo a loro. In questo progetto abbiamo ricreato e capovolto fotografie iconiche o molto riconoscibili di leader maschi in ogni settore della società, dalla politica alle arti. I nuovi protagonisti sono ora “Las Lideresas de Villaverde”, un gruppo di donne anziane di un quartiere della classe operaia di Madrid, che insieme sviluppano attività che cercano di dare voce e riflettori alle donne».

Quale il motivo della scelta della foto risultata vincitrice del contest del “Si fest”?

«L’immagine del bacio tra Breznev e Honecker parla di identità europea in quanto rimanda a un momento storico di frammentazione, non così lontano nel tempo, il 1979, rievocando le due Europe separate dalla cortina di ferro, circostanza che si concluse dieci anni dopo con la caduta del muro di Berlino, che rappresenta, quindi, l’inizio di un panorama politico in Europa. In una seconda lettura, l’immagine parla della costruzione dell’identità di genere e mira a provocare una riflessione per contrasto sulla disuguaglianza, evidenziando l’impossibilità storica delle donne, e ancor più delle donne anziane, di occupare posti di comando».

Quale ulteriore significato ha voluto dare a questa immagine ?

«Attraverso questa foto propongo una critica costruttiva all’attuale situazione socio-politica, promuovendo un dialogo contro la crescente tendenza alla disunione e alla frammentazione in Europa, denunciando il grave squilibrio che le donne ancora soffrono nel XXI secolo. È più che mai necessario parlare di un’Unione Europea oggi, in questo momento di crisi sanitaria ed economica tremenda e senza precedenti causata dal Covid. In questi tempi di crescente disunione tra i Paesi europei, è essenziale che l’Europa si avvicini alla crisi come un blocco, in una piena unione, altrimenti non sarà possibile per questi Paesi superare il problema economico da soli. Penso che sia una grande sfida per l’Unione Europea dimostrare al mondo che saremo in grado insieme di superare una situazione come questa».

Argomenti:

fotografia

Savignano

Si fest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *