Sarchiapone a Cervia, oggi la prima giornata

Dopo un anno di assenza, fa ritorno in piazza Garibaldi di Cervia “Il Sarchiapone”, 30° carosello comico intitolato a Walter Chiari, stasera e domani alle 21.15. Nacque come palcoscenico per comici debuttanti voluto dall’animatore culturale Bruno “Zimbo” Guidazzi, all’indomani della morte del famoso attore comico, di cui il cervese Zimbo fu stretto collaboratore, manager e amico fraterno. L’evento di piazza raddoppia con due serate; stasera il salotto coinvolge anche personaggi legati a Cervia. C’è pure un momento legato all’editoria in collaborazione con “Cervia, la spiaggia ama il libro”; interviene la scrittrice Maria Vittoria Fariselli (1995) con il suo romanzo d’esordio “L’hotel delle cose perdute” pubblicato dalla Giovane Holden edizioni, dopo aver vinto il concorso della stessa casa editrice. Musica con il coro Intercity Gospel Train. Il sabato è tutto per il carosello di spettacolo e comicità. Al timone di una verace e sanguigna conduzione è ancora una volta il cabarettista forlivese Andrea Vasumi che sarà coadiuvato dalla lanciata attrice cervese Emma Benini.

Gli ospiti

Artisti giovani e “diversamente” giovani legati anche al territorio trasmettono lo spirito del Sarchiapone. Immancabile è il figlio d’arte Simone Annichiarico, cresciuto con papà Walter e “zio” Bruno Guidazzi nelle vacanze estive dell’infanzia. A lui, quasi un cervese di adozione, il compito di fare gli onori di casa e di introdurre la figura del padre insieme alla famiglia Guidazzi. Torna sul palco il cervese Daiano, al secolo Claudio Fontana, autore o meglio “paroliere” come si diceva prima, di decine di canzoni portate al successo da famosi cantanti. Non tutti sanno che ha scritto brani come “L’isola di Wight” (DikDik), “Sei bellissima” (Loredana Bertè), “Ciao cara come stai?” con cui Iva Zanicchi vinse il festival di Sanremo nel 1974; ha scritto anche per Mina, Aznavour, Nomadi, e pure “Je t’aime moi non plus” per il francese SergeGainsbourg. A lui il compito di creare un’atmosfera sonora cantando e ricordando Zimbo di cui era amico. Regina del Sarchiapone 2021 è Iva Zanicchi, “l’aquila di Ligonchio” (Reggio Emilia) grande amica di Walter Chiari con cui pure lavorò, e di cui racconterà aneddoti e improvviserà a sorpresa. Cervese è la giovane attrice Emma Benini interprete del film “Tutto liscio” e della recente serie tivù “La fuggitiva” (interpretava il ruolo di Emma Puccini da giovane).

Il carosello comico

Manca quest’anno la gara per nuovi comici, difficile a organizzarsi per le regole anti pandemia. Giovani risate sono però assicurate dal duo Spezzati&Spadolà vincitori del Festival Cabaret emergente di Modena. Ad accentuare il clima di revival, arrivano da Rimini i Fratelli di Taglia che furono i vincitori del 1° Sarchiapone nel 1992. A tenere banco sarà l’esperto Scintilla (alias Gianluca Fubelli) da Roma, ex Turbolenti, quindi “Colorado” sia come protagonista sia conduttore, come pure di “House of Gag” su Tv8. Non mancano i “maestri” sempreverdi, quali Duilio Pizzocchi da Bologna che dal Costipanzo show al duo con Giacobazzi è un instancabile monologhista, così come il barzellettiere Sgabanaza da Forlì che presenta il suo libro. Buonumore anche dai comici nostrani Dondarini&Dalfiume ed Enrico Zambianchi.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui