Santarcangelo si mobilita per il passaggio del Giro d’Italia

È ormai tutto pronto per l’11^ tappa del 105° Giro d’Italia, che partirà da Santarcangelo mercoledì 18 maggio per raggiungere Reggio Emilia dopo 201 km: è la seconda volta che il Giro parte da Santarcangelo, 25 anni dopo la cronoscalata Santarcangelo-San Marino del maggio 1997. “Siamo molto emozionati di ospitare un evento come questo dopo due anni di pandemia, un risultato non facile per una città di 22mila abitanti come la nostra” ha detto la sindaca Alice Parma. “La tappa ha anche un significato simbolico, perché unisce l’Emilia-Romagna attraverso la strada più importante che abbiamo, la via Emilia, creando un ponte tra i territori attraversati. Questo grazie agli investimenti della Regione per creare un circuito turistico integrato che sta puntando molto sulla bicicletta, rispetto al quale il Giro d’Italia è un punto d’arrivo ma anche di partenza. Invito i santarcangiolesi a partecipare a questo evento di rilievo nazionale e internazionale, che ha visto tutta la città unirsi e collaborare per essere ancora più accogliete del solito – ha concluso la sindaca – e far sentire a casa tutti gli ospiti”.

“Torniamo a parlare di ciclismo sulle nostre strade, anzi su quella principale” ha dichiarato Davide Cassani, presidente di Apt Servizi. “La Regione ha investito con decisione nel turismo attivo e sportivo, un settore che sta crescendo di anno in anno come dimostrano i dati a nostra disposizione: l’arrivo del Giro era proprio la spinta che ci voleva dopo il Covid. Santarcangelo è bellissima e si sta preparando alla grande all’arrivo della Corsa Rosa. Sarò presente alla partenza dell’11^ tappa – ha concluso Cassani – e non vedo l’ora di riassaporare il gusto del Giro su strada”. “È un onore essere qui – ha affermato Alvaro Anelli – per noi che da sempre siamo appassionati di ciclismo. Dal 1975 sosteniamo la Coppa della Pace, un impegno in cui crediamo ancora oggi che siamo arrivati alla cinquantesima edizione. La gara è dedicata ai giovani under 23, molti dei quali sono poi diventati campioni e partecipanti al Giro d’Italia, anche quest’anno. Sono arrivate tantissime richieste d’iscrizione – ha concluso Anelli – tra cui abbiamo selezionato le trenta squadre pronte a sfidarsi domenica 29 maggio”.

Santarcangelo si prepara ad accogliere il Giro d’Italia vestita completamente di rosa: il centro città è stato decorato con una miriade di bandierine rosa grazie all’impegno di Città Viva, mentre l’Arco Ganganelli e il Municipio sono illuminati con il colore del Giro per salutare la partenza della tappa del 18 maggio. Le vetrine dei negozi, inoltre, saranno decorate a tema con le bottiglie di spumante e i gadget in rosa forniti da Astoria Wines, sponsor ufficiale del Giro d’Italia. Diversi anche gli allestimenti lungo il percorso del Giro, alcuni visibili dalla strada altri che potranno essere apprezzati grazie alle riprese aeree. Tra questi ultimi rientra la scritta “Santarcangelo saluta il Giro” lunga 75 metri – tre volte la Torre civica di Santarcangelo – realizzata lungo la via Emilia dell’impresa Agri Ubaldi srl (sponsor tecnico del Comitato di tappa) con 220 balle di paglia. Dal cielo saranno visibili anche il banner promozionale “Bike Romagna” di Visit Romagna e la scritta “Santarcangelo” sulle luminarie realizzata da Città Viva. Dalla strada, invece, saranno visibili i grandi manifesti istituzionali collocati in tre punti del centro città e il manifesto rosa “Santarcangelo saluta il Giro” lungo la via Emilia.

Per il passaggio del Giro, inoltre, sono state realizzate due t-shirt celebrative, di cui una a cura di Fondazione Culture Santarcangelo in collaborazione con Eron. L’artista ha scelto di riprodurre sulla maglietta l’opera “Tower to the people”, che ricorda il gesto di chi vince dopo una fatica e grazie alla presenza delle rose rimanda al colore simbolo del Giro: la t-shirt porta quindi con sé un messaggio sociale e di pace attraverso lo sport. È invece dedicata alla Coppa della Pace la seconda maglietta, realizzata da Città Viva insieme a Fratelli Anelli per celebrare, oltre al Giro d’Italia, la cinquantesima edizione della manifestazione ciclistica.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui