Santarcangelo, Fiera di San Michele: 40mila presenze in due giorni

L’edizione numero 650 segna il ritorno a presenze pre-pandemia per San Michele: sono almeno 40mila le persone che – secondo le stime degli organizzatori – sabato 1 e domenica 2 ottobre hanno scelto di visitare la Fiera, premiata anche da condizioni meteo favorevoli in entrambi i giorni.

Un’edizione, dunque, assolutamente positiva per la città e gli espositori – circa 200, oltre a 40 commercianti a posto fisso – con un sabato, in particolare, che ha visto una partecipazione mai così alta da diversi anni. Nonostante il cambio di data, infatti, si è rivisto un pubblico d’eccezione, proveniente anche da fuori Romagna oltre che dai Comuni limitrofi, a dimostrazione della crescita costante del turismo a Santarcangelo.

Tra le iniziative più apprezzate, non a caso, le visite guidate condotte dalla Pro Loco, sia quelle speciali dedicate a miti e leggende della città organizzate in occasione della Fiera, sia quelle alle grotte e alla Rocca Malatestiana: coinvolte in totale oltre 220 persone. Dopo la visita di tour operator e agenzie internazionali durante la Fiera, inoltre, oggi (lunedì 3 ottobre) si trovano a Santarcangelo due blogger attivi nell’ambito del turismo, che sempre accompagnati dalle guide della Pro Loco visiteranno Mutonia, le grotte, il centro storico e l’antica stamperia Marchi.

Afflusso costante, nei due giorni della Fiera, per “La corte degli animali”, “La chèsa di gazott” e “La piccola fattoria” – particolarmente apprezzate da famiglie con bambini anche molto piccoli – e grande successo per la 15^ edizione dell’esposizione cinofila, con 60 cani partecipanti e un pubblico numeroso sia per la sfilata che per le esibizioni curate dall’Associazione nazionale Polizia di Stato e da Uisp – Gruppi Cinofili.

Allo Sferisterio un buon numero di spettatori ha assistito anche alle semifinali del campionato nazionale di pallone a bracciale. Sempre in tema di tradizioni, l’iniziativa “La cipolla nel piatto” – che durerà ancora per tutta la settimana – ha suscitato l’interesse dei visitatori di San Michele, che in generale ha portato un afflusso costante di persone nei locali e nei ristoranti del centro città, in particolare sabato sera, oltre che negli stand gastronomici della Fiera e nei negozi del borgo.

“San Michele ha aperto la stagione autunnale, periodo di Fiere e tradizioni per la nostra città, con due giorni in cui abbiamo assistito a un bel ritorno alla normalità” dichiarano la sindaca Alice Parma e l’assessora alle Attività economiche, Angela Garattoni. “Le tante iniziative dedicate ai bambini, come i laboratori organizzati dal Centro per le famiglie in collaborazione con la biblioteca Baldini, rappresentano un traino sempre più significativo per la Fiera, tornata ai numeri pre-Covid nonostante il cambio di data a causa delle elezioni. Il nostro ringraziamento – concludono le amministratrici – va in primo luogo agli organizzatori, oltre che alla Polizia locale e a tutti coloro che in questi due giorni hanno lavorato per regalarci un’edizione di San Michele da ricordare”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui