Santarcangelo, dal Pnrr 14mila euro per i servizi digitali

Dal Piano nazionale di ripresa e resilienza arriva un nuovo finanziamento per il Comune di Santarcangelo: un contributo di 14.000 euro nell’ambito del bando per l’estensione dell’utilizzo delle piattaforme nazionali di identità digitale, finalizzato al potenziamento dei servizi e della cittadinanza digitale.

Il contributo, in particolare, è finalizzato all’integrazione del sistema Cie (Carta d’identità elettronica) con i servizi digitali erogati al cittadino, per offrire la possibilità di accedere a tutti i servizi digitali del Comune – oltre che tramite SpID, il Sistema pubblico di identità digitale – anche attraverso la piattaforma Cie.

“Si tratta di un nuovo passo avanti – sottolinea il Comune in una nota – nella progressiva digitalizzazione dei servizi intrapresa dall’Amministrazione comunale, con un totale di circa 50 procedure attualmente gestibili completamente online – di cui 25 attivate nel 2021 – con il supporto telematico o telefonico dei funzionari del Comune. A queste si aggiungono l’attivazione del sistema Pago PA, che semplifica i pagamenti per la maggior parte dei servizi dell’ente, e dell’integrazione con l’app IO, che permette di ricevere notifiche personalizzaterelative ad esempio allascadenza di documenti e tariffe.

“La digitalizzazione dei procedimenti amministrativi è la prima e più immediata semplificazione che il Comune può mettere a disposizione della cittadinanza, strettamente legata all’accessibilità tramite il maggior numero di piattaforme pubbliche – dichiara la sindaca Alice Parma – l’Amministrazione comunale di Santarcangelo è impegnata da tempo su questo versante, come dimostra tra l’altro la digitalizzazione delle pratiche edilizie avviata qualche mese fa. Il fatto che anche il Ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale riconosca il valore di questo impegno, assegnandoci un contributo di 14.000 euro attraverso il Pnrr, non può che essere – conclude la sindaca – ulteriore stimolo per proseguire il nostro lavoro”.

Nel frattempo, l’Amministrazione comunale sta proponendo a cittadini e utenti, tramite interviste in presenza e un questionario online, un’indagine su bisogni e gradimento relativi alla digitalizzazione dei servizi, per mettere in campo eventuali azioni correttive o di sostegno nei confronti di quelle fasce di popolazione che vivono maggiormente il divario digitale e necessitano di alfabetizzazione alle nuove tecnologie.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui