Santarcangelo: caos e sgommate, la gente non dorme

Schiamazzi, risate e sgommate con i motorini in piena notte. L’estate clementina sta mettendo a dura prova i residenti del villaggio Flora.

Le proteste

A dichiararlo è la signora Piera a nome dei residenti che ha affidato anche ai social tutto il suo disappunto. Perché il giardino pubblico che si trova in via Europa, così come la zona di via Rughi, al calar delle tenebre e «fino alle 4 del mattino» diventerebbero scenario delle bravate di ragazzini dai 14 ai 16 anni «sempre gli stessi». Oltre ad attraversare un’area verde in sella ai ciclomotori, i giovani s’attarderebbero insieme tra grasse risate e un caos continuo. Tutti rumori che, amplificati dal silenzio della notte, impedirebbero ai residenti del complesso edilizio vicino di chiudere occhio. Complici forse anche le finestre lasciate aperte per trovar tregua dalla calura. Così la donna si lamenta perché «il problema non è mai stato preso sul serio», nonostante «gli esposti e le denunce presentate alle forze dell’ordine ed alla Procura». Qualche giorno fa «giunti all’esasperazione, vari residenti sono scesi in strada pronti a dare una lezione all’unico ragazzino che erano riusciti a fermare». Solo l’intervento di altri abitanti avrebbe poi scongiurato il peggio.

Intanto dalla Polizia municipale fanno sapere che si continua da tempo a monitorare la zona e che sono già partite le sanzioni. Se quelle che riguardano la circolazione fuori dalla carreggiata ammontano a una quarantina di euro, nel caso si usi un motorino modificato può scattare invece il sequestro del mezzo. Ma nell’ultimo periodo casi del genere non si sono ancora verificati.

Il Comune

Dal canto suo l’amministrazione comunale si dice a conoscenza della situazione che tuttavia non riguarda «solo quell’area, né solo Santarcangelo. Tra aprile e giugno la Polizia locale ha effettuato 65 sopralluoghi nella zona, prevalentemente in orario serale, dopo segnalazioni da parte dei residenti o nell’ambito dei controlli di routine previsti per i parchi urbani o altre aree di possibili assembramenti». Il servizio di controllo serale della municipale «è stato rafforzato con un doppio pattugliamento più volte a settimana, avvalendosi anche di agenti in borghese».

Nel frattempo prosegue «il confronto con le forze dell’ordine statali – a cui competono gli interventi per il rispetto dell’ordine pubblico – e si sta valutando un’azione di carattere sociale, visto che nel caso sono coinvolti per lo più minorenni». Infine, l’amministrazione fa presente che continuerà a mantenere alta l’attenzione «sulla zona, come sulle altre aree della città dove si sono verificate problematiche di convivenza civile e disturbo della quiete pubblica».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui