Santa Sofia, la prima lezione della scuola è al campo sportivo

Inizio di anno scolastico al campo sportivo per gli studenti di Santa Sofia. Come già avvenuto lo scorso anno lunedì il suono della prima campanella accoglierà i giovani santasofiesi in un’aula particolare, vale a dire il campo da calcio “Brusati”, dove gli studenti dell’istituto comprensivo di Santa Sofia incontreranno gli amministratori e la dirigente scolastica.

La ripresa

Una ripartenza il più normale possibile. «D’altro canto, abbiamo già messo a punto pratiche e regole che permettano di svolgere l’attività scolastica in modo sicuro – sottolinea il sindaco Daniele Valbonesi –. Gli uffici scolastici e quelli comunali hanno eseguito tutte le verifiche del caso e siamo pronti a cominciare le lezioni in presenza, augurandoci di potere proseguire senza interruzioni». A livello pratico, sono confermati tutti i servizi disponibili in passato, come il trasporto scolastico gratuito per le frazioni di Spinello, Corniolo, Camposonaldo, Isola e Collina di Pondo, così come il servizio di pre scuola per i bambini che usufruiscono del trasporto scolastico e per le famiglie che ne abbiano effettiva necessità. Solo a Spinello, visto che ci sono almeno 3 iscritti, può essere attivata la linea per la Scuola dell’Infanzia, attiva da ottobre con accompagnatore. Anche la mensa sarà regolarmente funzionante a partire dal 20 settembre per la scuola dell’infanzia e dal 27 per la primaria e secondaria di primo grado, sempre nel rispetto della normativa vigente come garantito dalla ditta Elior, gestore del servizio. Per quanto riguarda la scuola dell’infanzia anche per l’anno entrante verranno organizzate le cosiddette “sezioni bolla”, quattro sezioni divise per evitare, appunto, assembramenti e contatti tra le varie sezioni.

Le novità

Alcune novità, invece, interesseranno i servizi del nido “Fiocco di Neve”: dall’anno 2021-2022, infatti, la frequenza al Nido sarà gratuita per le famiglie con Isee inferiore a 35.000 euro (per gli Isee superiori, la retta si aggira tra un minimo di 140 euro mensili per la frequenza part time e un massimo di 300 euro per la retta mensile a tempo pieno, per Isee sopra i 40mila euro), ad esclusione del servizio mensa che sarà, invece, a carico delle famiglie. Questo è possibile grazie ad un contributo regionale a cui si aggiunge un importante contributo erogato dal Comune di Santa Sofia: «In questo modo – sottolinea l’assessora alle politiche sociali Ilaria Marianini – le famiglie riceveranno una fattura di importo zero per quanto riguarda la frequenza del nido. Da anni stiamo lavorando per abbattere i costi della retta, e il fatto che ci siano attualmente 38 iscritti al nido ci fa credere che la direzione intrapresa sia quella giusta». L’appuntamento con gli alunni dell’istituto comprensivo di Santa Sofia è lunedì alle 10 al campo sportivo, che verrà allestito con postazioni distanziate e separate per ogni classe e ingressi scaglionati e guidati. Per i genitori, sarà possibile accedere esclusivamente alle tribune del campo sportivo tramite un apposito ingresso separato.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui