Santa Sofia, ecco il cartellone del teatro Mentore

Sono evidenti sollievo, speranza e tanta fiducia nel pubblico nelle parole di Isabel Guidi e Daniele Valbonesi, assessora alla Cultura e sindaco del Comune di Santa Sofia, alla presentazione della stagione 2021/2022 del teatro Mentore. «I teatri, che hanno pesantemente subito le conseguenze della pandemia – affermano i due amministratori – sono sedi di confronto, di socialità e di crescita: e grazie agli sponsor, e anche alle scelte del Governo, speriamo di rispettare l’impegno preso con questa programmazione».

«I teatri sono luoghi sicuri! Controlli, distanziamenti, mascherina e il silenzio durante le rappresentazioni – ribadisce Ruggero Sintoni, direttore artistico del cartellone teatrale del Mentore – garantiscono una tutela assoluta di fronte al contagio».

Il cartellone sarà inaugurato da due spettacoli di teatro ragazzi a ridosso delle feste di Natale, “Il lungo viaggio del coniglio Edoardo” (18 dicembre) e “Un topo, due topi, tre topi… Un treno per Hamelin” (7 gennaio), che si aggiungono agli altri eventi tipici del periodo come il concerto del Corpo bandistico Roveroni e i saggi dell’associazione musicale omonima. Per l’apertura della prosa, l’8 gennaio, Accademia Perduta/Romagna Teatri ha scelto l’intensissimo “L’Oreste” di Claudio Casadio a cui segue, il 29 gennaio “Panico ma rosa” di Alessandro Benvenuti, diario tragicomico di un attore in lockdown. Il 9 febbraio Chiara Francini e Alessandro Federico mettono in scena “Coppia aperta quasi spalancata” di Dario Fo e Franca Rame, seguito, il 2 marzo, da “Lucrezia forever” con Amanda Sandrelli. Sabato 19 marzo, sipario su Simone Cristicchi con il suo “Paradiso. Dalle tenebre alla luce”, e in chiusura Geppi Cucciari, il 2 aprile presenta il monologo di Mattia Torre “Perfetta”.

Ma al Mentore non può mancare la musica «perché i linguaggi si contaminino – ribadisce Guidi – e tutta la comunità possa riconoscersi e crescere insieme». Così, l’associazione Roveroni diretta da Vanni Crociani ed Elena Indellicati, invita Chiara Civello e la pianista Rita Marcotulli (25 marzo), mentre fuori abbonamento “Artusi jazz” il 4 gennaio propone “Viva De André” di e con Luigi Viva. Una novità sono gli “Incontri con l’autore” a cura di Archimedia: il 14 gennaio Corrado Ravaioli dialoga con Carlo Lucarelli, di ritorno a Santa Sofia dopo quasi trent’anni, sul suo “Léon”. «Dopo essere stato “hub” – ricorda Ruggero Sintoni – il Mentore torna teatro: questo ci fa sperare in un futuro roseo, in cui la diffusone del vaccino sia sempre più ampia, salvaguardando così l’economia, e la società di tutti».

Info: 349 9503847
teatromentore@gmail.com

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui