SANTA SOFIA. Santa Sofia ama l’arte, in ogni sua forma: ne è prova il longevo Premio Campigna, il frequentato Teatro Mentore, il Parco di Sculture all’aperto in continuo divenire, le manifestazioni come il Festival “Di strada… in strada…” organizzato da Pro Loco Santa Sofia, i numerosi concerti del Corpo Bandistico Roveroni…   Così, non poteva mancare attenzione anche verso le nuove forme d’arte, tra cui rientra a pieno diritto la Street Art. “L’identità di Santa Sofia è fatta di Arte, Natura e Socialità – dice il Consigliere Lorenzo Bellini -. L’aver approvato un regolamento sulla Street Art è un’affermazione della nostra identità e della volontà di regolare e indirizzare un processo che da qualche anno ha preso il via nel nostro paese. Dal murales di Cuoghi-Corsello, ai lavori di artisti come MauPal e Moby Dick, con la collaborazione di Nicola Monti e Pro Loco di Santa Sofia, ai lavori dell’associazione Spazio Arte, fin da subito le tre anime di Santa Sofia (Arte – Natura – Socialità) si sono intrecciate e hanno preso vita nelle opere. La Street Art si integra perfettamente con lo spirito profondo del nostro Parco di Sculture all’aperto: rendere l’Arte parte integrante della vita e degli spazi di vita di ognuno di noi.”   Il Consiglio Comunale in data 14 maggio ha approvato una delibera e un apposito regolamento con cui definisce i termini e le modalità per l’esercizio della Street Art in genere, sia negli spazi di proprietà del Comune di Santa Sofia, sia in quelli messi a disposizione da soggetti privati o pubblici diversi dall’Amministrazione Comunale. In entrambi i casi, infatti, la realizzazione delle opere di Street Art sarà consentita previ autorizzazione comunale e il regolamento prevede che le opere non possano interessare le zone e gli edifici del centro storico.

Argomenti:

Santa Sofia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *