Sanità, altri 12 milioni dalla Regione per formazione e smart working

Sanità, altri 12 milioni dalla Regione per formazione e smart working

Risorse per l’attività didattica, incentivi per la progettazione e i servizi di fornitura, interventi di sostegno ai dipendenti. In arrivo anche la sperimentazione del “lavoro agile” (smart working). E’ quanto prevede l’accordo siglato con Cgil, Cisl, Uil Emilia-Romagna, Confederali e Funzione Pubblica. L’Emilia Romagna continua a investire nel personale della sanità, puntando su formazione, innovazione e sostegno ai dipendenti con 12 milioni di euro destinati al comparto; 5 milioni di euro l’anno, già a partire dal prossimo, per favorire la partecipazione all’attività didattica dei corsi di laurea di primo livello, abilitanti delle professioni sanitarie, almeno 3 milioni di incentivi per chi, nel settore, si occupa di attività di progettazione e servizi di fornitura (gare d’appalto, acquisti) mentre altri 4 milioni per interventi di sostegno ai dipendenti del Servizio sanitario regionale, a partire da chi svolge il ruolo di caregiver.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *