San Patrizio, dalla Sagra del Tortellone arrivano altri 15mila euro per lo Ior

Passano gli anni, esattamente 37 dalla prima edizione, ma la “Sagra del Tortellone Sanpatriziese” e la comunità del piccolo paese del lughese rimangono un’autentica certezza quando si parla di solidarietà e di sostegno alla lotta contro il cancro sul territorio. Anche nel 2021 l’evento è stato organizzato con il format “da asporto”, per evitare che la convivialità e la condivisione degli spazi tipici delle manifestazioni di questo stampo potessero mettere in qualche modo in pericolo la salute dei partecipanti e dei volontari che prestano servizio: ciononostante sono stati comunque 15.000 gli euro donati alle attività dell’Istituto Oncologico Romagnolo a sostegno dei pazienti. Con questo assegno il contributo sale a 30.000 euro dal 2020, anno in cui il Covid-19 ha falcidiato la stragrande maggioranza delle sagre nel nostro paese: un bel segno di positiva “testardaggine” al non voler chinare la testa nemmeno di fronte alla situazione straordinaria che ci siamo trovati a vivere, per non lasciare indietro i tanti che soffrono di una diagnosi di tumore. La cifra sale addirittura a 380.000 euro se consideriamo l’anno di partenza di questo seguitissimo appuntamento, il 1985.

Campioni di generosità

Ma la comunità di San Patrizio non è solo “tortellone”: i volontari di questa cittadina, che da fonti Wikipedia conta poco meno di 2000 abitanti, sono sempre in prima linea quando si tratta di assurgere al ruolo di ambasciatori della solidarietà e della causa dello IOR nei vari eventi di rete che la no-profit porta avanti su tutto il territorio Romagnolo. Festa della Donna, Festa della Mamma, Natale, Pasqua, Commemorazione dei Defunti: non c’è manifestazione che i volontari del borgo lughese lascino sguarnita. Considerati quindi anche i contributi relativi a questi ultimi impegni il contributo elargito alla causa della lotta contro il cancro sale a più di 450.000 euro: un numero enorme che racconta di una cittadina forse piccola, ma dal cuore incredibilmente grande.

«Penso si possa veramente parlare dello “strano caso di San Patrizio” – afferma il Direttore Generale IOR, Fabrizio Miserocchi – ritengo sia difficile ritrovare in Italia e oltre un esempio così fedele di totale dedizione, che abbia portato a contributi altrettanto importanti per la causa che sostiene. Anche grazie a San Patrizio e ai suoi abitanti possiamo dire che viviamo in un territorio davvero unico e meraviglioso: il prof. Dino Amadori, nostro fondatore, d’altronde non perdeva occasione di affermare che lo IOR non sarebbe potuto sorgere in nessun’altra terra se non la Romagna. Ringrazio quindi tutti i volontari di questa piccola città, da quella più storica, Gina Zappi, ai più giovani: hanno saputo gettare il cuore oltre l’ostacolo e fare del loro esempio un qualcosa di concreto, che ha fatto e continuerà a fare la differenza per tante persone che soffrono».

«Non posso che ringraziare tutti i volontari che hanno contribuito sia alla buona riuscita dell’ultima edizione della Sagra sia alle altre attività portate avanti – afferma Luca Lazzarini, Consigliere dell’Associazione Volontari e Amici dello IOR – non dimentichiamo che il loro impegno non si è limitato a mantenere vivo il nostro evento ma anche a garantire la presenza dello IOR nelle piazze sia durante la Festa della Mamma che per la Pasqua e la Commemorazione dei Defunti. Quella di San Patrizio è una grande famiglia: ultimamente si è rinnovato anche il Consiglio Direttivo dell’Associazione con l’entrata di diversi ragazzi giovani, che garantiranno che la tradizione di volontariato di questo paese perduri nel tempo. L’auspicio è che dal prossimo anno potremo tornare a fare solidarietà in modo tradizionale, senza mascherine né distanziamento, affinché la lotta contro il cancro sia anche sinonimo di grande festa popolare».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui