San Marino, si ferma il ristorante stellato: “Non trovo personale”

Il celebre ristorante stellato Righi sospende l’attività per «mancanza di personale qualificato». Oltre al danno la beffa. Il Titano percorre di buona lena la strada della normalità, ma lo chef Luigi Sartini, Stella Michelin dal 2008, si vede costretto a chiudere i battenti fino a ottobre. «Mancano figure chiave nella cucina, ossia tre capi partita ed il sous chef – spiega – ma perlomeno riuscirò a tenere aperta l’Osteria, lasciando al contempo operativo a pieno ritmo il servizio catering». Ed allarga le braccia: «Sono venuti al pettine tutti i nodi, che si trascinavano da tempo». Perché, chiarisce, «non si tratta solo di una mancanza di requisiti, ma anche del non volersi dedicare ad un’attività che comporta orari duri e inevitabili sacrifici». Fermo restando che la scuola alberghiera sul Titano manca da tempo, «bisogna chiedersi – prosegue – perché il 90% dei ragazzi diplomati snobbi questo mestiere».

La lunga ricerca

La ricerca è durata mesi e ora lo chef getta la spugna, soprattutto perché la formazione che gestisce da solo, «in previsione della stagione, stavolta non è partita, tra stop forzato e cassa integrazione». Una situazione paradossale, dunque, «fonte di amarezza e frustrazione» che tiene in ostaggio «anche tutta la Riviera, – nota – che fatica a trovare personale per le strutture ricettive». Con le dovute distinzioni, si sfoga, visto che a San Marino «c’è chi preferisce lavorare solo una stagione, anziché da me tutto l’anno». In ogni caso lo chef, che è anche presidente degli operatori turistici, ad appendere il grembiule al chiodo non ci pensa proprio. Così promuoverà «diversi eventi speciali per l’estate», su cui al momento mantiene un rigoroso riserbo.

Nel frattempo sui social, intasati da dimostrazioni di solidarietà, Sartini risponde ai fan increduli: «No, non è uno scherzo e se lo fosse non farebbe certo ridere. In un momento così delicato, con una possibile ripresa alle porte, dopo quasi un anno e mezzo terribile fatto di chiusure complete e semi aperture contingentate, quando la speranza di una ripartenza si è fatta concreta, l’attività del Ristorante Righi si ferma e riprenderà ad ottobre». Bandiera bianca, ma, beninteso, pronta a esser piantata per nuove, prossime conquiste.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui