San Marino, “scusate, ho rubato un cioccolatino”: lettera di scuse del bambino al negoziante

Aveva rubato un ovetto di cioccolato, bimbo svizzero rispedisce i soldi al negoziante. Non credeva ai suoi occhi il proprietario di un alimentari del centro storico di San Marino, Danilo Chiaruzzi, quando ha aperto una raccomandata indirizzata a lui da cui sono usciti dieci euro accompagnati da una lettera di scuse di un bambino svizzero di 12 anni. Nelle righe scritte in tedesco il bambino di nome Benjamin confessa il furto di un ovetto Kinder, compiuto nel negozio di Chiaruzzi a fine maggio. Chiedendo scusa, allega più soldini del dovuto «perché – chiarisce – vuole vivere in pace con Dio e le sue pecore».
Commosso dal gesto inaspettato, il negoziante si dice pronto a spedire una cartolina al ragazzino con l’invito a tornare in Repubblica, «per stringergli la mano» ed additarlo come esempio ai giovanissimi che per scommessa o gioco hanno l’abitudine di sottrarre dolciumi dai suoi scaffali.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui